hamburger menu

Casal Bruciato, Di Maio: “Non sono irritato con la sindaca Raggi”

Di Maio: "Trovare soluzioni, non serve schierarsi"

Pubblicato:09-05-2019 07:45
Ultimo aggiornamento:17-12-2020 14:26
Canale: Lazio
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Sulla visita della sindaca Raggi a Casal Bruciato “ho letto che mi si attribuisce di essere arrabbiato e irritato, ma nulla di tutto questo. E’ giusto dare massima solidarietà a una donna che viene minacciata di stupro”. Cosi’ il vicepremier e ministro Luigi Di Maio a Radio Anch’io su Radio Rai Uno.

LEGGI ANCHE Casal Bruciato, da Casapound insulti a madre rom con bimba: “Troia, ti stupriamo”

Ieri la sindaca a Casal Bruciato è stata duramente contestata dai manifestanti. Al termine della visita alla famiglia Rom legittima assegnataria di un alloggio popolare Raggi ha dichiarato: “Restano lì dentro perché ne hanno diritto. La legge si rispetta, chi spaventa i bambini e minaccia di stuprare le donne forse dovrebbe farsi un esame di coscienza”.

CASAL BRUCIATO, DI MAIO: TROVARE SOLUZIONI, NON SERVE SCHIERARSI

“C’è tensione sociale nel Paese e Casapound e derivati soffiano su questa tensione. Non si combatte un problema stando dalla parte dei rom o dall’altra ma trovando una soluzione. Per questo bisogna abbassare questa tensioni”, non schierandosi, ma “con aiuti alle famiglie e alle giovani coppie”, ha dichiarato il vicepremier.

LEGGI ANCHE:

VIDEO | Casal Bruciato, tensioni tra Casapound e Polizia

VIDEO | Casal Bruciato, tensione tra Asia Usb e Casapound: “Fascisti di m….”

VIDEO | Ancora razzismo a Casal Bruciato, alcuni residenti: “I rom? Li vogliamo vedere tutti impiccati”

Roma. Casa assegnata a famiglia Rom, scoppia la protesta a Casal Bruciato: “Vi tiriamo una bomba”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2020-12-17T14:26:29+01:00