VIDEO | Casal Bruciato, da Casapound insulti a madre rom con bimba: “Troia, ti stupriamo”

Continuano le tensioni a Casal Bruciato: militanti di Casapound assalgono la madre rom che rientrava in casa con la figlia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Andate via!”, “Troia”, “A merda”, “Ma tanto devono uscí”, “Ti stupro”. Un fiume di offese quelle rivolte alla mamma rom, con in braccio una bambina, mentre veniva scortata all’interno della palazzina di via Satta, a Roma, dagli agenti della Polizia del Reparto Mobile.

La donna è riuscita ad entrare nel palazzo, mentre intanto proseguono le proteste di alcuni cittadini, iniziate ieri sera.

Rom bosniaci, la famiglia è composta da padre, madre e 12 bambini, alcuni dei quali piccolissimi, provenienti dal campo nomadi La Barbuta di Ciampino e risulta regolarmente assegnataria dell’alloggio popolare.

LEGGI ANCHE:

VIDEO | Casal Bruciato, tensioni tra Casapound e Polizia

VIDEO | Casal Bruciato, tensione tra Asia Usb e Casapound: “Fascisti di m….”

VIDEO | Ancora razzismo a Casal Bruciato, alcuni residenti: “I rom? Li vogliamo vedere tutti impiccati”

Roma. Casa assegnata a famiglia Rom, scoppia la protesta a Casal Bruciato: “Vi tiriamo una bomba”

CASAL BRUCIATO, ASSISTENTE FAMIGLIA ROM A CONTESTATORI: VERGOGNATEVI

“Ora chiediamo i danni morali, soprattutto per quello che avete fatto alla bambina”. Così Patrizia, volontaria e mediatrice culturale dell’Opera Nomadi, affacciata alla finestra dell’appartamento popolare di Roma in cui poco fa è rientrata tra le proteste la famiglia rom assegnataria.

“Siete una vergogna- ha aggiunto la volontaria- avete violato la Costituzione italiana. Prima imparate a rispettarla e poi fatevi chiamare italiani: vergognatevi”.

Alle frasi urlate, un cittadino ha risposto: “Andate via” e la volontaria ha controbattuto: “Andate via voi”.

CASAL BRUCIATO, CONTESTATA PRESIDENTE MUNICIPIO IV PER VASSOIO DOLCI

Un vassoio di dolci. Questo il motivo scatenante delle contestazioni rivolte alla presidente del IV Municipio di Roma, Roberta Della Casa, che sta facendo visita alla famiglia rom rientrata nell’appartamento di via Satta, a Casal Bruciato. “Vergogna, dimettiti”, alcune delle frasi pronunciate all’indirizzo del minisindaco a 5 Stelle. Con la presidente, anche l’assessore al Patrimonio del Campidoglio, Rosalba Castiglione. “Ora le istituzioni italiane portano le pastarelle ai nomadi”, il commento al megafono di Mauro Antonini, rappresentante regionale di CasaPound.

ROMA. CASAL BRUCIATO, CASAPOUND: CONDANNIAMO INSULTI A DONNA ROM

“Se ci sono stati insulti nei confronti della famiglia della donna rom, li condanniamo, ma va detto che sono causati dal clima di esasperazione dei cittadini. Giusto opporsi in maniera civile, determinata ma pacifica, sbagliati invece gli insulti personali”. A dirlo Davide Di Stefano, responsabile romano di Casapound, sotto l’appartamento di via Satta in cui è da poco rientrata la famiglia rom assegnataria dell’alloggio popolare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»