Autonomia corporea donne e ragazze, il 14 aprile lancio Rapporto Unfpa 2021

rapporto_aidos
In diretta fb Aidos-Dire alle 12 con la viceministra degli Esteri, Marina Sereni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La ‘bodily autonomy‘, in italiano ‘autonomia corporea‘, è il diritto di ciascun essere umano a decidere liberamente sul proprio corpo e sul proprio futuro, senza subire violenza o coercizione. Sono moltissime le ragazze e le donne che, a livello globale, ancora affrontano limitazioni alla libertà di scelta sul proprio corpo, con conseguenze anche gravi su salute, benessere e qualità della vita. Un aspetto che è stato misurato e messo al centro del Rapporto sullo stato della popolazione nel mondo 2021, intitolato proprio ‘Il corpo è mio. Diritto all’autonomia e all’autodeterminazione’.

Il Rapporto sarà presentato in contemporanea mondiale e in Italia viene lanciato ogni anno dall’ong Aidos (Associazione italiana donne per lo sviluppo) con l’Agenzia di stampa nazionale Dire, nel corso di una conferenza stampa, quest’anno in diretta Facebook sui canali Dire e Aidos, mercoledì 14 aprile alle 12. Interverranno all’incontro online: Marina Sereni, viceministra degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale; Mariarosa Cutillo, chief of strategic partnerhips di Unfpa; Maria Grazia Panunzi, presidente di Aidos; ed Elena Ambrosetti, professoressa associata di demografia dell’università di Roma La Sapienza. Il tavolo sarà coordinato dalla giornalista e vicecaposervizio dell’Agenzia di stampa Dire, Silvia Mari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»