Sondaggio Dire-Tecnè: la Lega ‘mangia’ il M5S, crolla la fiducia in Conte

Monitor Italia, il sondaggio settimanale dell'Istituto Tecnè per l'Agenzia di stampa Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Lega in due settimane ha ‘mangiato’ oltre un punto percentuale al Movimento Cinque Stelle nelle intenzioni di voto: +1,3% guadagnato da Salvini rispetto al 25 ottobre, -1,2% per il M5S. E’ quanto emerge da un sondaggio di Monitor Italia, sondaggio nato dalla collaborazione tra Agenzia Dire e l’istituto Tecne’, con interviste effettuate il 7 e 8 novembre.

Dati che confermano la Lega come primo partito (34,5%). Al secondo posto il Pd (18,8%) che però perde 0,5% rispetto a due settimane fa. Quindi il M5S, terzo, al 16,8%. Balzo in avanti di Fratelli d’Italia, con un +0,7% in quindici giorni che lo stabilizza quarto partito col 9,1% complessivo.

Stabili gli altri partiti, con oscillazioni contenute nello 0,2% per Forza Italia (8,1%), Italia Viva (4,5%), +Europa (1,8%), Sinistra (1,7%), Verdi (1,4%).

LEGGI ANCHE: Sondaggio Dire-Tecnè: 8 romani su 10 bocciano Raggi, Meloni e Calenda in testa


DIRE-TECNÈ: SOLO UN ITALIANO SU 4 HA FIDUCIA IN CONTE 2

Crolla la fiducia nel governo Conte 2, mai così bassa dalla formazione dell’esecutivo giallorosso. Al momento solo un italiano su quattro (25,8%) ha fiducia nel nuovo corso guidato sempre da Conte.

Il dato è crollato sensibilmente nelle ultime settimane. Solo il 27 settembre, infatti, il 32% degli italiani aveva fiducia nel Conte 2. Parallelamente sale la percentuale di chi non ha fiducia, oggi si attesta al 60,4% e a fine settembre era al 55,2%. Non si esprime il 13,8%.


DIRE-TECNÈ: SU EX ILVA GOVERNO RESPONSABILE PER 31,2%

Sulla crisi dell’ex Ilva gli italiani non riescono ad individuare responsabilità precise, ma la maggior parte (31,2%) ritiene che il governo attuale abbia delle colpe.

Per gli italiani la seconda ad avere responsabilità è stata la proprietà, colpevole per il 30,4% degli intervistati. Poi il governo gialloverde a firma M5S-Lega (26,6%). Senza opinione l’11,8%.


DIRE-TECNÈ: ITALIANI PESSIMISTI SU FUTURO ECONOMIA

La maggior parte degli italiani è pessimista sul futuro della situazione economica italiana. Otto su dieci non pensano che ci saranno grandi cambiamenti.

La metà degli italiani (49,7%) ritiene che in futuro non ci sarà alcun cambiamento sulla situazione economica italiana. Addirittura pù negativo il 31%, secondo cui andrà peggio di oggi. Il 19,3% vede invece un futuro più roseo.

DIRE-TECNÈ: A OTTOBRE RINUNCE E DEBITI PER QUASI 16% ITALIANI

Rinunce e debiti per il 15,8% degli italiani nel mese di ottobre, mentre il bilancio familiare del mese è positivo per la restante parte di nostri connazionali.

Per il 54,8% degli italiani, il mese di ottobre ha registrato entrate ed uscite in equilibrio. Mese ancora più propizio per il restante 29,4%, che ha risparmiato molto o abbastanza.


Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»