Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione dell’8 settembre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

IL GREEN PASS SPACCA LA MAGGIORANZA, LA LEGA VOTA CONTRO

Bis della Lega nella sua battaglia contro il green pass. Durante l’esame degli emendamenti al decreto che ne introduce l’obbligo, i deputati di Matteo Salvini votano contro la linea indicata dal governo. In aula alla Camera il Carroccio appoggia due emendamenti dell’opposizione che chiedono di abolire l’obbligo della certificazione per i minorenni. Le proposte non passano ma la maggioranza è spaccata. Pd e M5s difendono le norme approvate in Consiglio dei ministri anche con i voti della Lega. L’ex premier Giuseppe Conte chiede al Carroccio di “fare chiarezza”. Intanto Salvini annuncia di aver parlato con Draghi. “Siamo pronti a discutere di tutto- assicura- ma se qualcuno vuole inserire l’obbligo vaccinale deve prevedere il risarcimento per eventuali danni”.

GREEN PASS, GOVERNO VUOLE ESTENDERE OBBLIGATORIETÀ

Il governo ha intenzione di estendere l’obbligo di green pass a ristoratori, camerieri, baristi, istruttori di palestre e piscine, bigliettai dei cinema e dei teatri. Non solo: la certificazione verde sarà chiesta anche agli operatori delle mense scolastiche e delle pulizie negli edifici di elementari, medie e licei. Il decreto con le nuove regole potrebbe arrivare già domani. Matteo Salvini continua a frenare, mentre il ministro Roberto Speranza chiede di allungare il passo e allargare il più possibile i confini del green pass. La mediazione di Draghi porta il governo a procedere un passo alla volta. Nei prossimi giorni, infatti, il governo proverà a chiudere l’intesa anche per la Pubblica amministrazione e tutte le altre aziende private.

TERZA DOSE VACCINI, VIA LIBERA DELL’AIFA

Via libera dell’Aifa alla terza dose dei vaccini anti covid da fine settembre. Si partirà con i pazienti immunodepressi, gli anziani in Rsa e gli operatori sanitari più a rischio di esposizione al contagio. Per quanto riguarda il resto della popolazione, l’Agenzia italiana del farmaco attenderà le conclusioni dell’Ema che potrebbero arrivare tra un mese. La scelta su chi beneficerà della terza dose si basa sulla valutazione che in alcune categorie vi è una riduzione più anticipata dell’immunità offerta dai vaccini. Per il resto della popolazione, spiega il sottosegretario alla salute Pierpaolo Sileri, “l’evidenza è che l’immunità si avvicini ad un anno”.

FISCO, FORZA ITALIA CHIEDE RINVIO CARTELLE E PROROGA BONUS

Forza Italia chiede il blocco dell’invio delle cartelle esattoriali per le categorie più colpite dal covid, almeno fino a metà del 2022. Secondo il coordinatore nazionale Antonio Tajani ‘si devono assolutamente sostenere le imprese più in difficoltà. Il ministero dell’Economia dovrà fare una lista per il rinvio selettivo delle cartelle’. Tra le proposte di Forza Italia anche l’impegno per favorire una pace fiscale e la richiesta di prorogare i benefici nel settore dell’edilizia. ‘Meno cartelle, più bonus’ è la posizione del partito, che annuncia battaglia al Senato dove la legge di bilancio sarà discussa in prima lettura. ‘I bonus- sottolinea il senatore Maurizio Gasparri- sono indispensabili per rimettere in moto l’economia reale e avere più entrate per il fisco’.

PRO VITA: FILTRI E PW SU DEVICE PER LEGGE, E VENDUTI SOLO A MAGGIORENNI

“I pericoli per i bambini in rete sono aumentati in modo esponenziale. Chiediamo al ministero per lo Sviluppo economico di adoperarsi per rendere effettiva la norma contenuta nel decreto Giustizia che obbliga l’installazione del parental control di default su tutti i device in vendita”, come cellulari e tablet. Lo ha detto Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita e Famiglia, a Roma in una conferenza stampa al Senato. Le password e gli stessi apparecchi andrebbero venduti solo a soggetti maggiorenni, ai quali toccherà, nel caso, la responsabilità di disinstallare i filtri. Nell’occasione, Pro Vita ha presentato anche l’inizio di una campagna per contrastare l’iper-sessualizzazione dei minori sui media.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»