hamburger menu

L’Ordine dei Medici: “L’annebbiamento da Covid non dura oltre i sei mesi”

Di Centaurus parla alla Dire il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri, Filippo Anelli

Pubblicato:08-08-2022 20:05
Ultimo aggiornamento:08-08-2022 20:05
Canale: Sanità
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “La tempistica della durata di un eventuale annebbiamento a seguito dell’infezione da Centaurus è legata naturalmente al numero dei casi che abbiamo in letteratura. Gli studi, al momento, non ci aiutano a fare una prognosi precisa rispetto a questo dato che, comunque, sembra essere legato ad una durata non superiore ai 6 mesi e che, sempre al momento, non sembra causare problemi neurologici gravi“. Lo rende noto alla Dire il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli.

LEGGI ANCHE: Il neurologo: “La nuova variante Centaurus causa problemi cognitivi”

“D’altra parte- precisa- dovremo anche capire quali possano essere le ragioni che sottendono il sintomo, in modo da poter in qualche modo svolgere un’azione terapeutica un po’ più mirata“. Anelli si sente poi di escludere tale annebbiamento in particolari categorie di persone. “In genere i giovani hanno meno complicanze e nel Long Covid quella che colpisce maggiormente la popolazione è l’astenia, ovvero la difficoltà a svolgere le proprie attività“.

“Insieme all’insonnia– conclude- l’astenia interessa soprattutto la popolazione più anziana, che deve tra l’altro fare i conti il grande caldo della stagione estiva“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-08T20:05:58+02:00