Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Riunione con Draghi e Cartabia: M5s verso il voto favorevole alla riforma della giustizia

mario draghi imago
La posizione dei pentastellati sarebbe rientrata dopo alcune modifiche: i reati contro la Pa, come la corruzione e la concussione, sono stati inseriti tra quelli per cui sono previsti tempi di processo più lunghi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È iniziato con quasi due ore di ritardo a Palazzo Chigi il consiglio dei ministri che deve approvare la riforma della giustizia.

Il consiglio è stato preceduto da una riunione tra il presidente del consiglio Mario Draghi e la ministra Marta Cartabia coi ministri M5s che minacciavano l’astensione sulla riforma.

A quanto si apprende il premier avrebbe obiettato ai M5s che la riforma della giustizia è una parte centrale del programma di governo e non è ipotizzabile che una forza di maggioranza non la sostenga.

Di qui l’approfondimento con la titolare della giustizia. La posizione dei M5s sarebbe rientrata a seguito di alcune modifiche: sono stati inseriti i reati contro la Pa, come la corruzione e la concussione, tra quelli per i quali sono previsti tempi del processo più lunghi. Ulteriori miglioramenti tecnici sono possibili nell’iter parlamentare.

I MINISTRI DI FORZA ITALIA CHIEDONO LA SOSPENSIONE DEL CONSIGLIO PER VERIFICARE IL TESTO

I ministri di Forza Italia hanno chiesto la sospensione del consiglio dei ministri per verificare il testo dopo la riunione tra il premier Mario Draghi la ministra della giustizia Marta Cartabia e la delegazione dei Cinque Stelle.

LEGGI ANCHE: Ok alla Riforma della Giustizia: il M5S frena? Il premier Draghi tira dritto

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»