VIDEO | Dl semplificazioni, Falcomatà: “Leggiamo di opere anacronistiche”

"C'è ancora l'A2 e mancano alta velocità e intermodalità" ha dichiarato alla Dire il sindaco di Reggio Calabria, delegato nazionale Anci per il Mezzogiorno
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – “Ci sono sicuramente degli aspetti positivi ma si poteva fare ancora meglio e di piu’. Va salutato con positivita’ l’aumento dell’affidamento diretto a 150mila euro, pero’ ci sono degli interventi che sono certamente anacronistici. Leggiamo ancora fra le opere infrastrutturali inserite all’interno di questo decreto, l’autostrada A2, e opere sulle quali si parla da tempo e che invece dovrebbero del tutto completate”. Cosi’ alla Dire il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomata’, delegato nazionale Anci per il Mezzogiorno, commenta il piano di investimenti per il rilancio dell’economia messo a punto dal Mit che affianca il dl semplificazioni.

Non si deve parlare solo di Mezzogiorno – ha aggiunto il sindaco reggino – ma di opere pubbliche e infrastrutture che collegano tutta l’Italia. Ecco perche’ ancora non riusciamo a guardare con totale ottimismo a questo decreto, perche’ manca l’alta velocita’, le infrastrutture importanti per l’intermodalita’, quali gli aeroporti e porti. E poi – conclude Falcomata’ – c’e’ quel ‘salvo intese’ che a noi sindaci preoccupa parecchio, perche’ lascia quasi presagire che potrebbero esserci dei cambiamenti rispetto alla bozza che abbiamo visto e che oggi non conosciamo”.

LEGGI ANCHE: Trasporti, Falcomatà: “L’offerta dei treni va aumentata e integrata con l’intermodalità”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»