VIDEO | Funerali in diretta streaming del poliziotto ucciso a Napoli, Giuliano “Non ti dimenticheremo”

Lo dichiara il questore di Napoli Alessandro Giuliano durante i solenni funerali di Pasquale Apicella, deceduto lo scorso 27 aprile nel tentativo di sventare una rapina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


NAPOLI – La bara di Pasquale Apicella, avvolta dal tricolore, ha raggiunto la chiesa cristiana evangelica di Secondigliano a Napoli dove sono appena iniziati i funerali dell’agente scelto Pasquale Apicella, il poliziotto di 37 anni deceduto lo scorso 27 aprile durante un inseguimento a una banda di rapinatori. Presenti la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, il capo della polizia Franco Gabrielli, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il prefetto di Napoli Marco Valentini, il questore di Napoli Alessandro Giuliano. Il rito è trasmesso in diretta streaming sulla pagina facebook della polizia di Stato. 

LEGGI ANCHE: Ucciso a Napoli poliziotto di 37 anni, inseguiva ladri dopo una rapina

QUESTORE DI NAPOLI: “NON TI DIMENTICHEREMO”

“Carlo Lino, non ti dimenticheremo e non lasceremo sola la tua famiglia“, dice il questore di Napoli Alessandro Giuliano durante i solenni funerali di Pasquale Apicella, il poliziotto deceduto lo scorso 27 aprile a Napoli durante un inseguimento a una banda di rapinatori. Giuliano, dalla chiesa cristiana evangelica di Secondigliano, si rivolge ai parenti di Apicella, ai genitori Nunzia e Gennaro e alla moglie Giuliana. “La polizia di Stato si stringe attorno a voi, non sarete mai soli, considerateci la vostra seconda famiglia”, dice Giuliano, ricordando l’agente scelto per il suo “grande amore per la divisa”. “Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola. Questa frase di Giovanni Falcone l’avevi scritta sulla pelle, tale è la passione per questi valori”.

“Quella di Lino e’ stata una scelta d’amore, per la famiglia e la divisa. Con la sua scelta sapeva che nella vita avrebbe dovuto affrontare tanti rischi, ladruncoli di strada ma anche pericolosi criminali”. Cosi’ il pastore Michele Romeo ha chiuso i solenni funerali di Pasquale Apicella, il poliziotto deceduto lo scorso 27 aprile a Napoli durante un inseguimento a una banda di rapinatori. La bara dell’agente scelto ha raggiunto la chiesa cristiana evangelica di Secondigliano poco prima delle 11. Il feretro e’ stato portato in spalla dai colleghi di Apicella che gli hanno reso gli onori ai caduti della polizia di Stato. Al rito erano presenti anche i genitori dell’agente, papa’ Gennaro e mamma Nunzia, alcuni familiari e la moglie di Apicella, Giuliana, che ha partecipato al rito funebre abbracciando la bara del marito avvolta dal tricolore su cui erano presenti il cappello di ordinanza del poliziotto e una sua foto in divisa. Vicino al feretro anche una corona di fiori del presidente della Repubblica. La bara è stata quindi trasportata all’esterno dopo un momento di raccoglimento e l’esecuzione del silenzio militare. I funerali, svolti secondo le nuove disposizioni per il contenimento del contagio da Covid-19, sono stati trasmessi in diretta Facebook sulla pagina della polizia di Stato.

L’OMAGGIO ALL’AGENTE SCELTO PASQUALE APICELLA

 

“La Polizia di Stato, per rendere omaggio all’agente scelto Pasquale Apicella,  ha postato sul proprio profilo facebook la preghiera del poliziotto interpretata da Alessandro Preziosi, Violante Placido, Stefano Di Battista, Nicky Nicolai, Dario Rosciglione, Andrea Rea e Luigi Del Prete”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»