Coronavirus, Lopalco: “Circolazione del virus sotto controllo”

"L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha ribadito come l'Italia, pur essendo stata la prima nazione al mondo ad essere investita dalla ondata del coronavirus, abbia comunque reagito bene"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – “Qualche mese fa sembrava molto difficile avviare una quarta edizione del forum della Sanità con una presenza fisica qui in Fiera, invece ce l’abbiamo fatta con le dovute misure, con tutte le precauzioni del caso”. Lo ha detto l’epidemiologo e assessore regionale alla Sanità in pectore, Pier Luigi Lopalco a margine del forum ospitato dalla Fiera del Levante di Bari e dedicato al “Covid, post Covid e la rinascita del sistema sanitario vista da Sud”.

“Molti dei relatori sono qui presenti, gran parte degli eventi sono comunque disponibili sul web, quindi vuol dire che fino a ora quantomeno siamo riusciti a tenere sotto controllo la circolazione del coronavirus e abbiamo permesso un avvio dei lavori in presenza – ha aggiunto – il secondo tema importante è nel titolo: il forum mediterraneo della Sanità. La Puglia, ancora una volta, riveste un ruolo centrale di dibattito, un ruolo centrale come laboratorio di idee, non soltanto nazionale, ma anche in una cornice internazionale al centro di quest’area importantissima, che è l’area del Mediterraneo”. “I lavori sono partiti con una presenza importantissima di alto livello da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che ha ribadito, ancora una volta, come l’Italia pur essendo stata la prima nazione al mondo ad essere investita dalla ondata del coronavirus abbia comunque reagito bene e la Puglia – ha concluso l’epidemiologo -, nel panorama italiano, abbia dato il suo contributo in termini di idee, di proposte, ancora una volta di laboratorio davvero avanzato”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»