Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il governatore Lavevaz: “Intercettare e convincere tutti i valdostani indecisi sul vaccino”

vaccino imago
Il presidente della Regione Valle d'Aosta ha riferito i contenuti del colloquio con Figliuolo: "Prende il via una seconda fase della campagna di immunizzazione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

AOSTA – In apertura della seduta del Consiglio regionale della Valle d’Aosta, il presidente della Regione, Erik Lavevaz, ha riferito all’aula i contenuti del suo colloquio con il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, avuto nei giorni scorsi: “Ho fatto il punto sul quadro della pandemia in Valle e sulla campagna vaccinale, sulla quale è ancora indispensabile dispensare grande attenzione. Proprio per questo, nei prossimi giorni prenderà il via una seconda fase della campagna di comunicazione che promuove la vaccinazione: è nostro compito intercettare e convincere chi non è ancora stato vaccinato, ormai in ogni fascia d’età”.

Lavevaz sostiene che “i mesi estivi ci concedono una pausa dal punto di vista del contagio, ma sono fondamentali per la campagna vaccinale: non dobbiamo rallentare i ritmi, per permetterci di arrivare all’autunno con una larghissima parte della popolazione che deve essere immunizzata. L’appello è a tutti i valdostani, perché solo l’impegno collettivo può portarci a raggiungere il risultato”.

LEGGI ANCHE: Ad Aosta torna la campagna di prevenzione dell’ictus

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»