Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Europee, Calenda avverte Zingaretti: “Se il Pd va con il suo simbolo è incompatibile con il mio progetto”

L'ex ministro dello Sviluppo Economico manda un messaggio al neosegretario dem: "No a ragionamenti immaturi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La tentazione del Pd di andare alle europee con il proprio simbolo è “incompatibile con il mio progetto perché la lista Siamo Europei prevede che i simboli Più Europa, Pd e i movimenti civici come quello di Pizzarotti siano tutti insieme. Credo che questi siano ragionamenti immaturi perché noi invece dobbiamo costruire un’alternativa forte. Queste elezioni europee saranno decisive”. Lo ha detto l’ex ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, a Tv2000 ospite del programma TgTg condotto da Donatello Vaccarelli.

Leggi anche: La previsione di Calenda: “Dopo le europee crisi di governo e manovra oltre il ‘lacrime e sangue’”

“Salvini – ha proseguito Calenda – ha le idee chiare e dice di voler stare con i Paesi che vogliono decostruire l’Europa ma senza l’ombrello dell’Europa siamo soli a navigare in un mare che è sempre più tempestoso e difficile. Queste europee sono un po’ come le elezioni del ’48 quando si doveva decidere se stare con l’Unione sovietica o stare con l’Occidente”.

Leggi anche: Calenda: “Lasciare vecchio centrosinistra e cespugli vari al loro destino”

“Non sono contrario – ha sottolineato Calenda a Tv2000 – a integrare nel listone i fuoriusciti dal Pd come Emiliano o Bersani. Ma c’è un criterio oggettivo nel manifesto perché non si può procedere a simpatia. Tra l’altro il manifesto non è mio ma è firmato da 200 mila persone e da tanti sindaci. Può partecipare al manifesto chi condivide i contenuti e chi non vuole fare alleanze nazionali con Lega e M5S perché questo sarebbe trasformismo. Dato che i fuoriusciti del Pd hanno il progetto di un’alleanza con i 5S percorrono strade diverse”.

Leggi anche: Il manifesto di Calenda per rifondare l’Unione Europea supera le centomila adesioni

“Il Pd – ha concluso Calenda negli studi di Tv2000 – non ha questa tentazione perché i suoi elettori non seguirebbero l’ idea. Gli elettori del Pd hanno chiarissima l’idea che il M5S, che peraltro si sta sbriciolando, è un movimento che ha dentro di sé un contenuto che è contrario alla democrazia rappresentativa. Chi vince le elezioni non può esercitare una tirannia sulla minoranza. Chi vince le elezioni non può fare qualunque cosa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»