Il manifesto di Calenda per rifondare l’Unione Europea supera le centomila adesioni

Carlo Calenda presenta il suo manifesto per coalizzare le forze europeiste attorno a un programma liberale e con forti connotazioni sociali.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Siamo a #quotacento (mila firme). Quella che fa bene al paese. Grazie. #SiamoEuropei”. Lo scrive su twitter Carlo Calenda a proposito delle adesioni al Manifesto dell’Europa in vista delle prossime elezioni europee.

LEGGI ANCHE:

Ue, Calenda: “E’ come il dopoguerra, bene unità del Pd ma andare oltre”

Europee, Calenda: “No ammucchiate, fuori Forza Italia e Leu. Boschi? Arrogante”

ECCO IL MANIFESTO DI CALENDA PER L’EUROPA

Carlo Calenda presenta il suo manifesto per coalizzare le forze europeiste attorno a un programma liberale e con forti connotazioni sociali.

“Bene ci siamo. Su http://www.siamoeuropei.it trovate il Manifesto per la costituzione del fronte lanciato insieme a 100 esponenti della politica locale e della società civile. Ora si tratta di aderire e far aderire. Partiamo. L’Italia e l’Europa sono più forti di chi le vuole deboli”, scrive l’ex ministro su twitter.

Si intitola ‘Manifesto per la costituzione di una lista unica delle forze politiche e civiche europeiste alle elezioni europee’ e tra i firmatari ci sono, tra gli altri, nomi di spicco del centrosinistra italiano, dal sindaco di Milano Beppe Sala, a Giuliano Pisapia, al sindaco di Firenze Dario Nardella, a Giuseppe Falcomata’, sindaco di Reggio Calabria, al presidente della regione Toscana Enrico Rossi, al presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini, quella dell’Umbria Catia Marini, quello della Sardegna Francesco Pigliaru, al presidente del Piemonte Sergio Chiamparino, a Walter Ricciardi, ex presidente dell’istituto superiore di Sanita’, al sindaco di Pesaro Matteo Ricci, agli imprenditori Andrea Illy e Alberto Bombassei.

Ecco i primi passaggi del manifesto. “Siamo europei. Il destino dell’Europa è il destino dell’Italia. Il nostro è un grande paese fondatore dell’Unione Europea, protagonista dell’evoluzione di questo progetto nell’arco di più di 60 anni. E protagonisti dobbiamo rimanere fino al conseguimento degli Stati Uniti d’Europa, per quanto distante questo traguardo possa oggi apparire”, si legge.

Il Manifesto ricorda i vantaggi storici di essere parte dell’Unione europea. Ma riconosce che “la velocità del cambiamento innescato dalla globalizzazione e dall’innovazione tecnologica, e parallelamente gli scarsi investimenti in capitale umano e sociale – che avrebbero dovuto ricomporre le lacerazioni tra progresso e società, tra tecnica e uomo – hanno determinato l’aumento delle diseguaglianze e l’impoverimento relativo della classe media. Ciò ha scosso profondamente la fiducia dei cittadini nel futuro. L’incapacità di gestire i flussi migratori provenienti dalle aree di prossimità colpite da guerre e sottosviluppo ha messo in crisi l’idea di società aperta. La convergenza tra queste turbolente correnti della storia ha minato la fiducia di una parte dei cittadini nelle istituzioni e nei valori delle democrazie liberali. Per la prima volta dal dopoguerra esiste il rischio concreto di un’involuzione democratica nel cuore dell’Occidente. La battaglia per la democrazia è iniziata, si giocherà in Europa, e gli esiti non sono affatto scontati”.

L’obiettivo dei firmatari “non è conservare l’Europa che c’è, ma rifondarla per riaffermare i valori dell’umanesimo democratico in un mondo profondamente diverso rispetto a quello che abbiamo vissuto negli ultimi trent’anni. Un mondo che affronta tre sfide cruciali: il radicale cambiamento del lavoro, e dunque dei rapporti economici e sociali, a causa di un’ulteriore accelerazione dell’innovazione tecnologica; il rischio ambientale e la necessaria costruzione di un modello di sviluppo legato alla sostenibilità; uno scenario internazionale più pericoloso e conflittuale. Le forze da mobilitare per la costruzione della nuova Europa sono quelle del progresso, delle competenze, della cultura, della scienza, del volontariato, del lavoro e della produzione”.

UE. MARTINA A ADERISCE A MANIFESTO DI CALENDA SIAMOEUROPEI.IT

“Ci sono! Aderisco a #siamoeuropei. E alle primarie PD del 3 marzo lanciamo i volontari per la nuova Europa #fiancoafianco” Cosi’ Maurizio Martina, candidato alla segreteria Pd su twitter.

UE. ZINGARETTI: BENE CALENDA, RICOSTRUIAMO CAMPO LARGO DI FORZE

“Bene il manifesto Siamo europei. Un utilissimo contributo alla ricostruzione di un campo largo di forze diverse che si impegnano per rifondare e difendere l’Europa. Proviamoci”. Lo dichiara in tweet il candidato Nicola Zingaretti rispondendo all’appello Siamo Europei lanciato da Carlo Calenda.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»