Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

‘Salva la tua lingua locale’, la premiazione a Roma in Campidoglio

premio dialetti
Da nove anni prosegue il premio letterario che punta a valorizzare e conservare le lingue locali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Se da una parte linguisti e accademici tengono alto il dibattito sull’inclusività dell’italiano scritto e parlato (vedi alla voce ‘schwa’), dall’altra il tema del momento è certamente la conservazione e lo studio dei dialetti e delle lingue locali. Non è caso che Unpli (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) e ALI Lazio (Autonomie Locali Italiane) con il Centro internazionale ‘Eugenio Montale’ e E.I.P. ‘Scuola Strumento di Pace’ da ben nove edizioni curino il premio letterario nazionale ‘Salva la tua lingua locale’. Un concorso articolato in diverse sezioni, tutte a tema libero, che dà vita ogni anno ad una preziosa antologia che raccoglie gli elaborati dei vincitori e dei finalisti delle singole categorie. Ci sono il ‘Premio Tullio De Mauro’, la ‘Poesia edita’, la ‘Prosa edita’, la ‘Poesia inedita’, la ‘Prosa inedita’, il ‘Fumetto edito’, la ‘Musica’ e il ‘Teatro inedito’.

UN PREMIO CHE È ORMAI UN’ISTITUZIONE

Proprio oggi a Roma, nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, sono avvenute le premiazioni dei vincitori delle edizioni 2020 e 2021. “Il nostro premio ormai è diventato un’istituzione– racconta all’Agenzia Dire il presidente dell’Unione nazionale delle Pro Loco (Unpli), Antonino La Spina- si tratta del più importante e autorevole premio nazionale sui dialetti e le lingue locali. Abbiamo invogliato a scrivere e realizzare opere che sono anche frutto di studio e di ricerche, che mantengono tradizioni e identità locali conservando moltissimo di quel materiale che fa parte della nostra istituzione dialettale e linguistica italiana”.

300 OPERE IN CONCORSO

Nel 2021 sono state circa 300 le opere in concorso, dimostrazione del fatto che il premio letterario sia in costante crescita, un successo che arriva anche dall’inserimento di nuove sezioni. “Voglio ricordare la sezione dedicata al nostro ex presidente onorario Tullio De Mauro– aggiunge il presidente La Spina- è una sezione scientifica delle lingue locali che negli ultimi due anni ha registrato un numero di opere davvero importante”.

A proposito di questo premio Silvana Ferreri, professore ordinario di Didattica delle lingue moderne presso l’Università di Viterbo e membro del Comitato dei Garanti del Premio Tullio De Mauro,​ ha detto:​ “Si tratta di un’occasione importante per valorizzare i dialetti e soprattutto la parte scientifica di descrizione e analisi di questa ricchezza nazionale che è rappresentata dalle tante varietà dialettali e anche delle lingue di minoranza che esistono sul nostro territorio. Dunque è un momento significativo per la cultura e anche di riconoscimento per quanti studiano le lingue locali: sono testimonianze preziose di vite, di piccole comunità e di abitudini culturali legate a tante donne e tanti uomini del nostro territorio“.

DIALETTI PATRIMONIO UNESCO

Vale la pena ricordare che dialetti e lingue sono veri e propri patrimoni culturali immateriali riconosciuti e protetti dall’Unesco, grazie ai progetti e ai risultati ottenuti l’Unpli dal 2012 è infatti accreditata come consulente del Comitato Intergovernativo previsto dalla Convenzione Unesco per la salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale.

IL RUOLO DEI GIOVANI

L’iniziativa vuole mettere in risalto la riscoperta e la valorizzazione del dialetto e della lingua locale– spiega Patrizia Nicolini, vice presidente di Ali Lazio- lo vuole fare con ogni genere letterario e anche con ogni target di destinatario, è ovvio che i giovani in tutto questo hanno un ruolo importante, perché sono coloro che possono tramandare le radici e la carta d’identità che il dialetto e la lingua vogliono rappresentare in Italia”.
Sul canale YouTube ‘Memoria immateriale’ è possibile trovare la registrazione audio e l’archiviazione di tutti gli elaborati inediti presentati: un inventario on line delle tradizioni italiane unico nel suo genere voluto ed implementato dall’Unione Nazionale delle Pro Loco.

La cerimonia dedicata alle premiazioni di ‘Salva la tua lingua locale’ è stata condotta dalla giornalista e presentatrice televisiva Veronica Gatto. Il presidente onorario del concorso è Giovanni Solimine, mentre la giuria per l’edizione 2021 è stata composta da: Franco Brevini, Patrizia Del Puente, Luigi Manzi, Luca Lorenzetti, Giovanni Ruffino, Plinio Perilli, Giancarlo Schirru, Giovanni Tesio, Tonino Tosto, Salvatore Trovato (presidente). Giuria ad hoc, invece, per la sola sezione ‘Musica’, così composta: Toni Cosenza (Presidente), Andrea Carpi, Marco Rho, Rosario Di Bella, Pasquale Menchise, Matteo Persica, Paolo Portone, Elisa Tonelli, Luciano Francisci.

Tutti i vincitori sono pubblicati al seguente link: http://www.salvalatualingualocale.it/wp/2021/11/26/i-risultati-della-nona-edizione-2021/

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»