Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Le nuove frontiere del design: souvenir innovativi per promuovere il Macellum di Pozzuoli

Un concorso promosso dall'Adi Campania nell'ambito di Arkeda. Vincitori i designer che hanno progettato 'Hydra' e 'Macellum card game'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Niente più tazze, calamite o portachiavi: tra le nuove frontiere del design si fa spazio l’idea di trasformare il souvenir. Non più un oggetto standardizzato, ma un ricordo che possa davvero raccontare il luogo visitato. Nell’ambito di Arkeda, il Salone dell’architettura, edilizia, design e arredo che si è tenuto a Napoli, l’Adi Campania ha promosso un concorso che ha consentito a giovani designer, architetti, ingegneri e progettisti di presentare il progetto di un souvenir capace di promuovere l’immagine del Tempio di Serapide, o Macellum, sito archeologico di Pozzuoli. Presentati oltre 50 progetti.

Vincitori del bando i designer che hanno progettato ‘Hydra’, una scatola con delle piantine aromatiche realizzata con materiali ecosostenibili, terracotta e ceramica, e Macellum card game’, un mazzo di carte con una precisa simbologia che ricorda l’antico mercato alimentare.

“Il parco archeologico dei Campi flegrei – ha spiegato alla Dire il presidente di Adi Campania Andrea Jandoli – sta facendo molto per rilanciare il territorio. Insieme abbiamo lanciato un piccolo concorso per la realizzazione di souvenir. Siamo abituati alla stereotipia del souvenir, che riproduce l’oggetto, che è una piccola copia del monumento visitato o un oggetto riproposto da altre culture e fatture che appartengono a una produzione che viene dall’oriente. Dobbiamo reinterpretare il souvenir dandogli un ruolo culturale, partendo dal ricordo dello storico souvenir di Pozzuoli, una famosa fiaschetta vitrea contenente un nettare, un vino locale molto buono, che riportava dei decori in ricordo della città”.
Il concorso è stato promosso, con Adi Campania, dalla società La Terra dei Miti, dalle associazioni culturali Amartea e Aporema Onlus e da Graficamente, la società che gestisce il sito del Macellum per il Parco Archeologico dei Campi Flegrei. Nessun limite alla scelta dei materiali, purché ecosostenibili o di recupero e riciclabili.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»