Basilicata, Polese: “Ospedale donato dal Qatar? In pessime condizioni”

"La Regione ha già buttato 500mila euro, chiederò al presidente Bardi di fermare ogni finanziamento", dichiara alla Dire il vicepresidente del consiglio regionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Dopo 5 mesi non è un ospedale e nemmeno più una tendostruttura. Ci sono buchi sul soffitto, condizioni di manutenzione pessime. Non c’è traccia di pavimenti, divisori e di attrezzature sanitarie“. È la denuncia alla Dire sulle condizioni dell’ospedale da campo donato dal Qatar alla Basilicata del consigliere regionale di Italia Viva e vicepresidente del consiglio regionale Mario Polese.

“La Regione – afferma – ha già buttato 500mila euro per questa opera inutile. Chiederò al presidente Bardi di fermare ogni finanziamento e di indirizzarlo agli ospedali lucani: il San Carlo è al collasso, Villa d’Agri non è funzionale, nella provincia di Matera ci sono disservizi”. Per Polese la situazione non è tollerabile. “Siamo alla vigilia della nuova ondata del virus – continua – e ci avevano promesso un nuovo ospedale con un impegno della Regione ad aprire ad ottobre. L’ondata c’è, il virus c’è non dobbiamo essere allarmistici ma rispettosi delle regole e le istituzioni non stanno facendo il loro”. Polese denuncia anche “gli ostacoli dell’assessore Merra” per visitare la struttura. “Una cosa – conclude – che sminuisce le funzioni del Consiglio regionale e che porterà all’attenzione del prossimo ufficio di presidenza. La sanità lucana guardi ai suoi presidi reali e non alle bugie del Qatar”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»