Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Crimi: “Il M5s cambia casa, manteniamo le radici”. Sommerso dalle critiche del web

vito crimi
Per Crimi questo è "un momeno di transizione". In tanti accusano il M5s di essere diventato parte del sistema che voleva combattere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La famiglia del Movimento cambia casa, non cambiano le nostre radici e le sfide per il futuro”. Lo scrive su Facebook Vito Crimi.

Crimi spiega: “Cari amici, nella giornata di ieri si è finalmente avviata la procedura di restituzione dei dati degli iscritti al Movimento 5 Stelle da parte dell’Associazione Rousseau, che li aveva trattati in qualità di responsabile del trattamento su incarico del Movimento, che dei dati era ed è il titolare. Desidero ora aggiornarvi su alcuni dei passaggi che si stanno svolgendo in queste ore. Le operazioni tecniche di trasferimento, per la parte relativa ai dati degli utenti, si sono svolte ieri pomeriggio in modo regolare, anche alla presenza di due periti forensi che hanno certificato l’integrità e la corrispondenza dei dati prelevati con quelli messi a disposizione dalla Ass. Rousseau. Non tutti i dati sono stati prelevati. Altri dati sono, ad esempio i files caricati dagli iscritti, i dati relativi al profilo di attivista, i documenti caricati nelle sezioni o funzioni della piattaforma quali sharing, portale eventi e altro, nonché tutto il materiale cartaceo prodotto nel tempo e conservato per obblighi di legge, per i quali data la complessità di una loro ricognizione è stato concordato congiuntamente di procedere in una fase successiva”.

“I dati di cui siamo rientrati in possesso- prosegue Crimi- sono quelli del profilo dell’iscritto e già a partire da domani saranno sottoposti ad una verifica, che potrà richiedere uno o più giorni, e immediatamente caricati in un nuovo ambiente di lavoro, cioè un sistema di gestione che consentirà di gestire tutte le richieste e gli adempimenti di legge. Una volta verificati i dati consegnati, contestualmente all’inserimento nel nuovo sistema di gestione, tutti gli iscritti saranno informati delle eventuali modifiche apportate alle modalità di trattamento dei dati. In tempi rapidissimi sarà disponibile anche l’interfaccia web, cioè una pagina da cui effettuare il login e poter visualizzare, modificare, cancellare i propri dati o effettuare richieste, nonché procedere a nuove iscrizioni. La gestione e l’inserimento in questo nuovo ambiente di gestione di una mole così elevata di dati, quasi 300 mila record, è una operazione che richiede accuratezza, tempi congrui, attenzione e molte verifiche. È necessaria anche la messa in campo strumenti di sicurezza al massimo livello, prima di rendere disponibile l’accesso da remoto agli iscritti”.

Crimi assicura che “nelle scorse settimane ci eravamo già portati avanti con il lavoro, in vista di questo momento, e dunque la nuova casa degli iscritti è quasi pronta, ma per alcuni aspetti era anche necessario conoscere la struttura dei dati che ci sarebbero stati consegnati, che solo ora possiamo analizzare. Per meglio comprendere ciò di cui si sta parlando ricorro alla metafora di un trasloco perché di questo si tratta: trasferimento da una casa ad un’altra, ma la famiglia rimane la stessa con le sue radici e le sfide da affrontare per il futuro. La nostra nuova casa è quasi pronta, gli scatoloni sono arrivati a destinazione, ma prima che possa accogliere l’intera famiglia deve essere resa abitabile e accogliente: gli scatoloni vanno aperti e ogni cosa deve essere messa al proprio posto”.

“Per quanto riguarda la prossima votazione in rete, invece- sottoliena Crimi- ci avvarremo del supporto di una società esterna, specializzata in questo campo. Le attività per la predisposizione della prossima votazione si svolgeranno in parallelo, pertanto i tempi di attivazione saranno indipendenti rispetto alla predisposizione della nuova casa degli iscritti. Ricordo comunque che per le votazioni esistono i termini previsti dallo statuto che, nel caso di modifica dello Statuto stesso, prevedono un preavviso di convocazione di almeno 15 giorni rispetto alla data della votazione. Inizia una nuova fase di crescita ed evoluzione del Movimento 5 Stelle. Anche per noi è un momento di transizione, lavoriamo quindi tutti insieme per rendere la nostra nuova casa il più possibile accogliente, funzionale e aperta a nuove energie. Contiamo a guardare avanti, ma anche verso l’alto: per aspera ad astra”.

“I dati di cui siamo rientrati in possesso- prosegue Crimi- sono quelli del profilo dell’iscritto e già a partire da domani saranno sottoposti ad una verifica, che potrà richiedere uno o più giorni, e immediatamente caricati in un nuovo ambiente di lavoro, cioè un sistema di gestione che consentirà di gestire tutte le richieste e gli adempimenti di legge. Una volta verificati i dati consegnati, contestualmente all’inserimento nel nuovo sistema di gestione, tutti gli iscritti saranno informati delle eventuali modifiche apportate alle modalità di trattamento dei dati. In tempi rapidissimi sarà disponibile anche l’interfaccia web, cioè una pagina da cui effettuare il login e poter visualizzare, modificare, cancellare i propri dati o effettuare richieste, nonché procedere a nuove iscrizioni. La gestione e l’inserimento in questo nuovo ambiente di gestione di una mole così elevata di dati, quasi 300 mila record, è una operazione che richiede accuratezza, tempi congrui, attenzione e molte verifiche. È necessaria anche la messa in campo strumenti di sicurezza al massimo livello, prima di rendere disponibile l’accesso da remoto agli iscritti”.

Crimi assicura che “nelle scorse settimane ci eravamo già portati avanti con il lavoro, in vista di questo momento, e dunque la nuova casa degli iscritti è quasi pronta, ma per alcuni aspetti era anche necessario conoscere la struttura dei dati che ci sarebbero stati consegnati, che solo ora possiamo analizzare. Per meglio comprendere ciò di cui si sta parlando ricorro alla metafora di un trasloco perché di questo si tratta: trasferimento da una casa ad un’altra, ma la famiglia rimane la stessa con le sue radici e le sfide da affrontare per il futuro. La nostra nuova casa è quasi pronta, gli scatoloni sono arrivati a destinazione, ma prima che possa accogliere l’intera famiglia deve essere resa abitabile e accogliente: gli scatoloni vanno aperti e ogni cosa deve essere messa al proprio posto”.

“Per quanto riguarda la prossima votazione in rete, invece- sottoliena Crimi- ci avvarremo del supporto di una società esterna, specializzata in questo campo. Le attività per la predisposizione della prossima votazione si svolgeranno in parallelo, pertanto i tempi di attivazione saranno indipendenti rispetto alla predisposizione della nuova casa degli iscritti. Ricordo comunque che per le votazioni esistono i termini previsti dallo statuto che, nel caso di modifica dello Statuto stesso, prevedono un preavviso di convocazione di almeno 15 giorni rispetto alla data della votazione. Inizia una nuova fase di crescita ed evoluzione del Movimento 5 Stelle. Anche per noi è un momento di transizione, lavoriamo quindi tutti insieme per rendere la nostra nuova casa il più possibile accogliente, funzionale e aperta a nuove energie. Contiamo a guardare avanti, ma anche verso l’alto: per aspera ad astra”.

LE REAZIONI

A pochi minuti dalla pubblicazione su Facebook sono centinaia i commenti, la maggior parte molto critici dopo la ‘scissione’ da Casaleggio. “Chissà com’era il tonno dentro la scatoletta”, scrive qualcuno alludendo allo slogan della prima elezione in Parlamento, che, nelle intenzioni grilline, doveva essere “aperto come una scatoletta di tonno”. “Dovevate scardinare il sistema e siete diventati alleati del sistema. La più grande truffa della storia della Repubblica Italiana“, scrive un utente, “Il movimento è morto, l’avete ucciso voi seggiolari“, scrive un altro, “Non cambieremo le nostre radici” ahahah eh grazie, lo avete già fatto, non vi è rimasto più nulla da cambiare“, sottolinea uno, “Movimento trenta denari”, accusa un altro. “Oramai non siete più credibili, siete parte del sistema! Dovevamo cambiare il sistema, ma quel sistema vi ha inglobato!”, scrivono, “A leggere i commenti fossi in te mi preoccuperei”, chiosa qualcuno.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»