Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Zaia: “L’estate? Tra vaccino e bella stagione me la immagino libera”

luca zaia
Il governatore si dice positivo sulla situazione Covid nei prossimi mesi: "Avremo 2,5 milioni di vaccini somministrati"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Io non sono uno scienziato ma l’estate me la immagino libera… Ci metto insieme il combinato disposto dei vaccini e della bella stagione che ci darà una mano”. Lo afferma il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, oggi in conferenza stampa dalla sede della Protezione civile regionale a Marghera. “Fra due mesi avremo 1,5 milioni di vaccini inoculati in più rispetto a quelli di oggi, e quindi avremo 2,5 milioni di dosi somministrate. Che diviso per le due dosi fa 1,25 milioni di persone immunizzate”, continua Zaia, auspicando in un “nuovo rinascimento per l’economia“.

“IL VENETO È PRIMO IN ITALIA PER L’USO DEGLI NTICORPI MONOCLONALI”

In Veneto “siamo i primi in Italia per utilizzo degli anticorpi monoclonali, siamo a 170 somministrazioni la settimana su 376 a livello nazionale” annuncia Zaia, aggiungendo che il 60% del personale scolastico ha già ricevuto una dose di vaccino contro il Covid e che è tutto pronto per la riapertura delle scuole, che avviene “in virtù di una legge” e quindi “non c’è discrezionalità” in merito .

“IL MODELLO A 21 PARAMETRI È INATTUALE, VA RIVISTO”

Il modello dei 21 parametri diventa giorno dopo giorno sempre più inattuale e anacronistico. È stato pensato in un momento in cui non avevamo un sistema diagnostico come quello che abbiamo ora, un sistema di cura e il vaccino che abbiamo oggi. So che stanno lavorando, la dottoressa Russo è un punto di riferimento del gruppo di lavoro nazionale. Oggi bisogna rivedere il modello“. Così il presidente della Regione Veneto Luca Zaia.

LEGGI ANCHE: Avvistato cervo maschio: è la prima volta nella città metropolitana di Venezia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»