FOTO | A Portofino tagliato il nastro: il 7 aprile riapre la Provinciale

Svolti a tempo di record i lavori che hanno ripristinato la viabilità dopo la mareggiata di ottobre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print







Precedente
Successivo

GENOVA – Un lunghissimo torpedone in festa, per le celebrare il taglio del nastro della provinciale 227, la strada che collega Santa Margherita Ligure a Portofino, ricostruita a tempo record dopo la devastazione della mareggiata dello scorso ottobre.

In testa al corteo, assieme alle autorità, tra cui il governatore Giovanni Toti e il sindaco metropolitano Marco Bucci, un migliaio di bambini arrivati da tutto il Tigullio.

La strada riaprirà ufficialmente al traffico domani mattina, a senso unico alternato, regolato da un semaforo. Per le due corsie si dovrà attendere il mese di giugno. I lavori sono stati completati in 185 giorni, con due settimane di anticipo rispetto alle previsioni.

Gli interventi principali sono stati su un tratto di 120 metri di strada tra lo scoglio della Carega e castello Bonomi: qui, il mare aveva scavato una voragine di 800 metri cubi di ampiezza.

Per i riempimenti sono state impiegate circa 5.000 tonnellate di massi, 1.200 metri cubi di calcestruzzo, 1.000 metri quadrati di rete metallica di protezione. La Regione Liguria ha stanziato oltre 2,7 milioni, di cui circa un milione proveniente dalle accise e le restanti risorse dal fondo della struttura commissariale per l’emergenza e da fondi Por-Fesr. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»