Treno deragliato a Lodi, cordoglio delle istituzioni regionali alle famiglie dei due macchinisti morti

A perdere la vita nel tragico incidente di questa mattina Giuseppe Cicciù, originario di Reggio Calabria e Mario Di Cuonzo, di Capua
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – “A nome della Città di Reggio Calabria intendo esprimere il più sincero cordoglio nei confronti dei familiari di Giuseppe Cicciù, il macchinista reggino morto insieme al collega Mario Di Cuonzo nel tragico incidente ferroviario di questa mattina vicino Lodi”. Così il sindaco metropolitano di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà.

LEGGI ANCHE: Frecciarossa deraglia nel lodigiano, morti due macchinisti

“La comunità reggina – ha aggiunto – è in lutto: ancora una volta la nostra città perde uno dei suoi figli. Oggi è un giorno di infinita tristezza per tutti noi. Alla famiglia di Giuseppe giunga l’abbraccio caloroso di tutti i reggini. Ci auguriamo che su questa tragedia – ha concluso Falcomatà – venga al più presto fatta piena luce, al fine di accertare eventuali responsabilità”.

SANTELLI: “SI FACCIA LUCE SULL’ACCADUTO E SI ACCERTINO LE RESPONSABILITÀ”

“Esprimo la mia commozione per la morte dei due macchinisti. Sono particolarmente vicina alla famiglia di Giuseppe Cicciù, originario di Reggio Calabria, alla moglie, alla madre e alla figlia il mio abbraccio sincero. L’auspicio è che si possa fare presto chiarezza sull’avvenuto e si accertino le responsabilità”. Così la neo presidente della Regione Calabria Jole Santelli.

OLIVERIO: “UN ALTRO CORREGIONALE MUORE SUL LAVORO LONTANO DALLA FAMIGLIA”

“Ancora una volta un altro nostro corregionale muore sul lavoro, lontano dalla sua terra e dai suoi affetti più cari. Alla famiglia giungano la nostra vicinanza e le più sentite condoglianze”. Anche il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio esprimendo cordoglio per il grave incidente avvenuto questa mattina sulla linea alta velocità all’altezza di Casal Pusterlengo.

DE LUCA: “UN PENSIERO PER LE 31 PERSONE RIMASTE FERITE NEL DERAGLIAMENTO”

“Terribile l’incidente ferroviario avvenuto questa mattina a Lodi, in cui hanno perso la vita due macchinisti, Mario Di Cuonzo, 59 anni, originario di Capua, e Giuseppe Cicciù, 51 anni, di Reggio Calabria. Le nostre condoglianze alle famiglie e ai parenti delle vittime e un pensiero per le 31 persone rimaste ferite nel deragliamento“. Così il governatore della Campania Vincenzo De Luca.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»