Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Azione di monitoraggio negli istituti penitenziari: il Garante Giulianelli riparte da Montacuto

Garante di diritti Marche Giancarlo Giulianelli
Sono 306 i detenuti presenti nella casa circondariale anconetana, che ha una capienza regolamentare di 256 posti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Riprende da Montacuto il periodico monitoraggio del Garante negli istituti penitenziari marchigiani. Dopo i casi di autolesionismo e le aggressioni dei giorni scorsi, che hanno visto come protagonisti alcuni detenuti,  Giulianelli si è tenuto costantemente in contatto con la casa circondariale anconetana per avere il quadro aggiornato della situazione ed ha deciso di riavviare i sopralluoghi partendo proprio da questa realtà, che annovera (fonte Ministero della Giustizia al 31 luglio di quest’anno) 306 detenuti, di cui 131 stranieri, per una capienza regolamentare  di 256 posti.

“Una situazione complessa – stigmatizza Giulianelli – che come ho avuto modo di dire è già stata più volte resa nota ai rappresentanti dell’amministrazione penitenziaria nelle loro diverse articolazioni. È ormai evidente la necessità di interventi in molteplici settori della casa circondariale, per la cui concretizzazione occorre, oggi più che in altre occasioni, collaborazione e unità d’intenti”.

Il monitoraggio del Garante proseguirà nei prossimi giorni con le visite alla casa di reclusione di Fermo e alla Rems (Residenza per le misure di sicurezza), che attualmente si trova ubicata provvisoriamente a Macerata Feltria. Proprio nei giorni scorsi, in uno dei suo interventi sulla sanità penitenziaria nelle Marche, Giulianelli aveva fatto presente come  risultasse esigua una sola Rems sul territorio regionale, e per altro con posti limitati (al momento 24 pazienti presenti), alla luce dell’aumento delle patologie psichiatriche tra i detenuti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»