Tg Politico Parlamentare, edizione del 5 maggio 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

RSA, MAGGIO IL MESE DELLE RIAPERTURE

Potrebbero riaprire a breve le residenze per anziani, purchè siano Covid free. A chiederlo è la Conferenza delle Regioni, tramite il presidente Massimiliano Fedriga che invita il governo a superare il divieto di visite. L’ipotesi e’ che si riaprano le porte ai parenti muniti di uno specifico pass dal 9 maggio.
Progressi anche sul fronte del turismo. Dopo un vertice con i sindaci delle isole minori il commissariato di governo ha deciso due linee di azione. La prima prevede una campagna vaccinale di massa per immunizzare in poco tempo tutti gli abitanti, la seconda consiste in una serie di interventi sulle storiche criticità delle isole. A trainare la ripresa del settore sara’ pero’ la green pass, annunciata dal premier Draghi. Per i turisti stranieri che vorranno soggiornare in Italia partira’ dal 15 maggio, un mese prima rispetto all’analogo lasciapassare europeo.

COPRIFUOCO, E’ ANCORA BATTAGLIA IN MAGGIORANZA

Continua lo scontro nella maggioranza sul coprifuoco. Il centrodestra al governo, da Forza Italia alla Lega, pressa il premier Draghi affinché le restrizioni notturne vengano abolite al più presto. La chiusura notturna dalle 22 alle 5 potrebbe subire uno slittamento, fino alle 23 o alla mezzanotte, per poi essere definitivamente eliminata, forse “tra fine maggio e inizio giugno” secondo il sottosegretario Mulè. Cruciali saranno i dati dei monitoraggi Iss-ministero della Salute, specialmente quello del 7 maggio i cui dati saranno influenzati dalle recenti riaperture. A favore dell’abolizione del coprifuoco ci sono Salvini, gli azzurri di Forza Italia, Giorgia Meloni e Giovanni Toti. Mentre il Pd frena: “Il governo ha fatto bene a mantenere il coprifuoco”, dice l’ex segretario Nicola Zingaretti.

OMOFOBIA, MURO CONTRO MURO AL SENATO

Muro contro muro sul ddl Zan che domani al Senato dovrebbe inziare il suo ultimo passaggio parlamentare. Il centrodestra di governo è al lavoro per un testo unitario alternativo al ddl Zan. Il relatore, il presidente della Commissione giustizia Ostellari, annuncia una relazione su tutti i testi presentati e non solo sul ddl Zan, gia’ approvato alla Camera. Ostellari chiede il rispetto dell’organismo che dirige: “Le leggi si fanno qui”, dice. Ma Alessandro Zan, il deputato del Pd che ha dato il nome alla legge contro l’omotransfobia, non esclude il ricorso all’aula. “Se la Commissione Giustizia diventa una palude dalle sabbie mobili, dove la legge viene bloccata dall’ostruzionismo allora ci sono gli strumenti previsti dal regolamento”, dice Zan. Per il deputato del Pd non e’ ammissibile un altro testo. Sarebbe un modo per intralciare il via libera alla legge.

LAVORO, LA STRAGE SILENZIOSA

Dopo la ventiduenne di Prato Luana D’Orazio, un altro infortunio mortale sul lavoro e’ avvenuto a Busto Arsizio, dove Christian Martinelli, un operaio di 49 anni, è rimasto schiacciato dal tornio meccanico dell’officina in cui lavorava. Il tema della sicurezza sul lavoro torna all’attenzione della politica.
La leader della Fiom, Francesca Re David, sottolinea che “la parola incidente non è più sopportabile” e chiede investimenti perchè “negli ultimi anni il lavoro e’ stato visto più come un costo che come una risorsa”. Stamattina il ministro Andrea Orlando ha parlato della morte della giovane operaia come di “una vicenda straziante” che deve servire a “costruire risposte migliori” e “a scuotere la coscienza del Paese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»