VIDEO | Al Pantheon ritrovato un pavimento imperiale, “Proseguiremo lo scavo”

Si proverà in profondità: il sogno è piazza severiana con il portico"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Sette lastre di travertino di epoca adrianea perfettamente conservate, altre sette che spuntano sotto le strutture dei servizi. Tra la pavimentazione imperiale, “intatta e allineata come in origine”, una piccola parte mancante apre uno spiraglio per proseguire lo scavo in profondita’ e conquistare un pezzetto in piu’ della storia di piazza della Rotonda. Siamo a pochi metri dal Pantheon, a Roma, dove la scorsa settimana il sedime stradale si e’ aperto a causa di una infiltrazione di acqua. I lavori di emergenza sono scattati subito, cosi’ come subito e’ arrivata la Soprintendenza speciale di Roma a presidiare il cantiere. Qualche giorno, e a circa tre metri di profondita’ sono state ritrovate le lastre. Ritrovate, appunto, perche’ questa non e’ una scoperta.

LEGGI ANCHE: Roma, da una buca al Pantheon torna alla luce la pavimentazione di epoca imperiale

VIDEO | Voragine al Pantheon, forse a causarla le infiltrazioni d’acqua

LA SCOPERTA NEGLI ANNI NOVANTA

Gia’ negli anni Novanta erano venute alla luce – quella volta, si’, fu una sorpresa – studiate e ricoperte con uno strato sottile di pozzolana che “le ha conservate integre”, segno che il lavoro degli archeologi ha funzionato. “Oggi pero’ e’ un’emozione rivederle, per noi e per chi ha la fortuna di passare di qua in questi giorni”, racconta all’agenzia Dire Marta Baumgartner, archeologa della Soprintendenza speciale responsabile dello scavo.

GLI STUDI CHE VERRANNO ESEGUITI

“Questa pavimentazione occupa quasi tutta la piazza. Adesso faremo un confronto con i dati che i colleghi hanno archiviato negli anni Novanta“, dice. La Soprintendenza non allarghera’ lo scavo, delimitato da un lato dai servizi e dall’altro da una struttura post antica, “probabilmente dell’Ottocento e, ma e’ ancora una ipotesi, appartenente a una fogna”. Anche in questo caso, le archeologhe verificheranno se gli scavi degli anni Novanta avevano documentato anche questa presenza, oppure no. Un particolare che potrebbe aiutare a ricostruire la stratificazione di piazza del Pantheon, trasformata nel corso dei secoli da area monumentale dell’Impero a mercato in epoca medievale. “E di quel periodo sappiamo pochissimo”, aggiunge Maria Cristina Lapenna, architetto della Soprintendenza intervistata dalla Dire. E allora quel pezzetto di terreno che fa capolino tra le grandi lastre adrianee, insieme a un altro spiraglio tra le lastre, potrebbe diventare una finestra in piu’ sull’antico e sulle epoche successive.

“Per esempio potrebbero arrivare dei dati sull’incendio che colpi’ quest’area nell’80 dopo Cristo– spiega Lapenna- e di cui le fonti ci raccontano di un rinnovamento successivo, ma in quale direzione?”. Non solo, pero’, perche’ il “sogno” e’ di completare una scoperta gia’ fatta, forse in parte, dagli archeologi Carlo Fea e Rodolfo Lanciani: “Mi piacerebbe trovare qualche indicazione in piu’ sulla piazza severiana, con il portico che Fea e Lanciani avevano gia’ documentato negli altri lati della piazza, ma non in questo”, rivela Lapenna, che aggiunge: “In ogni caso, nuovi dati potrebbero aiutarci a comprendere le trasformazioni di questa piazza, di cui sappiamo ricostruire la forma e le presenze di epoca imperiale, ma conosciamo meno dei suoi usi successivi”. Come negli anni Novanta, alla fine dello scavo le archeologhe metteranno in sicurezza le lastre e le ricopriranno con un tessuto. Poi, il lavoro di ricostruzione delle evidenze storiche verra’ fatto incrociando i dati. “Di certo- spiegano infine- questo scavo nato da una emergenza e’ stata un’occasione per una verifica ulteriore e per tentare di aggiungere nuovi elementi cronologici”. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»