VIDEO | Voragine al Pantheon, forse a causarla le infiltrazioni d’acqua

A quanto apprende la Dire, i tecnici della Soprintendenza hanno eseguito dei sopralluoghi non appena si è verificata l'apertura del sedime stradale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Probabili infiltrazioni d’acqua alla base dell’avvallamento del manto di piazza del Pantheon. Questa mattina un sopralluogo dei tecnici incaricati del cantiere con i funzionari della Sovrintendenza. A quanto si apprende la voragine per il momento non sara’ allargata se non per un massimo di altri due metri di lunghezza. Verranno invece condotti dei sondaggi in profondita’ per scongiurare il rischio che ci siano altre voragioni sottostanti. Sulla piazza sono in corso i lavori di Acea per installare la nuova illuminazione che prende il posto di quella al sodio. Sono previsti faretti incassati nel pavimento sul frontale e a vista sui palazzi prospicienti, lungo tutto il perimetro del tempio.

LA SOPRINTENDENZA VERIFICA LA PRESENZA DI REPERTI

“La buca si è aperta a fianco di una galleria moderna di sotto servizi, e finora non sono state identificate strutture archeologiche di epoca romana. L’intervento di Comune, Municipio, Sovrintendenza capitolina e Soprintendenza speciale di Roma prevede che lo scavo continui per identificare le cause dello smottamento, e sarà anche un’occasione di conoscenza della storia di Piazza del Pantheon, che è sottoposta a vincolo monumentale”. È quanto fa sapere la Soprintendenza speciale di Roma interpellata dall’agenzia Dire a proposito della buca che si è aperta in piazza del Pantheon.

A quanto apprende la Dire, i tecnici della Soprintendenza hanno eseguito dei sopralluoghi non appena si è verificata l’apertura del sedime stradale. Al momento, l’area è stata transennata e si sta procedendo a scavare sia per verificare le cause dello smottamento, che potrebbe dipendere da una infiltrazione di acqua, sia a indagare la presenza di testimonianze storiche.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»