Prescrizione, Bonafede: “Ho il dubbio che ad alcuni membri della maggioranza i testi li scriva Berlusconi”

Il ministro della Giustizia annuncia che porterà la riforma del processo penale in Cdm entro 10 giorni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Io porto la riforma del processo penale per abbreviare i tempi del processo in Consiglio dei ministri. Poi li’ ciascuno si prende le proprie responsabilità“. Lo dice il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, a margine della Relazione annuale sulla giustizia amministrativa presso il Consiglio di Stato.

LEGGI ANCHE: Renzi: “Sulla prescrizione difendiamo la legge Orlando, non quella firmata con Salvini”

“Qui si continua a parlare di passi indietro. E’ sbagliata questa narrazione. In questo modo si abusa della pazienza dei cittadini. I cittadini non vogliono sentire gente che urla dalla mattina alla sera e che addirittura sfiora i toni della minaccia, c’e’ una maggioranza che sta lavorando. Il lodo Conte è frutto di un tavolo della maggioranza. Ai cittadini interessa questo, che la maggioranza stia lavorando”. Lo dice il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, a margine della Relazione annuale sulla giustizia amministrativa presso il Consiglio di Stato.

LEGGI ANCHE: Prescrizione, Lezzi (M5s) avverte: “Non è negoziabile”. E minaccia crisi di governo

Poi, aggiunge, “c’è chi, invece, si comporta come se fosse all’opposizione ma io non posso tutti i giorni impiegare il mio tempo per rispondere a chi è nella maggioranza e si comporta come se fosse all’opposizione. A volte ho il dubbio che i testi glieli scrivano Salvini e Berlusconi. Io vado avanti a lavorare con spirito di dedizione”.

IV A BONAFEDE: SE NON CAPISCI CI VEDIAMO IN SENATO

“Caro Bonafede, non è Salvini che scrive i testi a noi, sei tu che hai scritto la legge sull’abolizione della prescrizione con lui. A noi non piace e la cambieremo. I numeri sono chiari, o lo capisci o ci vediamo in Senato”. Lo scrive su twitter Davide Faraone, capogruppo Iv al senato.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»