Roma, domani in piazza i negazionisti del Covid: “Saremo tanti e senza mascherina”

Già confermate le presenze di Vittorio Sgarbi e del consigliere regionale del Lazio, ex M5s, da sempre vicinoai No Vax, Davide Barillari
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – La mascherine? Sono inutili. Il vaccino? È targato Bill Gates. Negazionisti e estrema destra di nuovo in piazza sabato prossimo a Roma. “Crescono le adesioni alla manifestazione del 5 settembre. Saremo migliaia, migliaia di italiani decisi a battersi per le libertà”, ha scritto alcuni giorni fa Giuliano Castellino, leader romano di Forza Nuova annunciando la manifestazione di sabato.

Appuntamento in piazza Bocca della Verità, per quella che è stata preannunciata alla Questura di Roma come una protesta di alcune mamme contro la ‘dittatura sanitaria’. Un vessillo dietro al quale hanno trovato posto diverse anime, da Forza Nuova ai No Vax, dai negazionisti del Covid tout court ai Gilet arancioni. Anche se questi ultimi, secondo quanto si apprende, potrebbero non partecipare proprio per evitare accostamenti con l’ultra destra.

Castellino, su litaliamensile.it promette: “Saremo in tanti a Roma. Contro le dittature, sarà un’invasione di libertà“. Nel solco della protesta di Berlino, Forza Nuova attacca l’Oms, che “ha agito come ariete della Troika, imponendo ovunque il modello cinese. Terrore sanitario, lockdown e arresti domiciliari di massa, distanziamento, mascherine, Tso contro i più refrattari e nessuna libertà fino alla vaccinazione obbligatoria di massa, rigorosamente con marchio Bill Gates, quale unica via di salvezza”.

Oltre a quella sanitaria, il partito di estrema destra ci sarebbero anche le dittature di tipo ‘finanziario’, ‘giudiziario’ e ‘massmediatico’. Già confermate le presenze, tra gli altri, di Vittorio Sgarbi e del consigliere regionale del Lazio, ex M5s, da sempre vicino ai No Vax, Davide Barillari. La Questura a Roma sta preparando il dispositivo di sicurezza. Obiettivo evitare disordini.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»