AUDIO | La denuncia della mamma di Parma: “Io, trattata come una detenuta”

Appello in un file audio inviato alla redazione: la donna è in una casa famiglia in Lombardia. Aveva denunciato il padre del bambino
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sono una mamma italiana, di buona famiglia, ho studiato e lottato per difendere mio figlio e questo è quello che mi ha fatto lo Stato italiano”. E’ l’appello consegnato in un file audio che P., la mamma di Parma della cui storia si è occupata DireDonne, invia alla redazione, dalla casa famiglia in Lombardia in cui è stata portata perché considerata “inadeguata” e per un “riallineamento del bambino con la figura paterna”. La consegna prevista e firmata di suo pugno, “altrimenti sarei stata non collaborativa”, dei “documenti in originale, del cellulare che sarà dato agli operatori e riconsegnato in orari prestabiliti” dice questa mamma è il trattamento che si riserva ai “detenuti“.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Minori, portati in casa famiglia la mamma di Parma e suo figlio

P. ha denunciato il suo ex per violenza e da due CTU è stata definita “mamma simbiotica”. A settembre si celebrerà l’udienza per l’unica denuncia non archiviata, quella riferita ad abusi sessuali sul minore che del padre ha timore e rifiuta di vederlo. Il piccolo ha certificate “patologie genetiche e immunitarie” e rientra nei casi i cui “si viene sollevati dalle vaccinazioni, come fa sapere anche l’avvocato Isabella Giampaoli, “ma gli cambieranno il pediatra e lunedi- dice P.- sono già state prenotate le vaccinazioni”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Minori, portati in casa famiglia la mamma di Parma e suo figlio

La redazione DireDonne pubblica questo appello nell’auspicio che le Istituzioni e le parti coinvolte nella vicenda rispondano alla mamma di Parma.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»