Italia ‘ladra’ di bambini in nome della legge

Ecco cosa comporta, in concreto, la legge che garantisce la bigenitorialità nel nostro Paese
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  Un bambino scomparso nel nulla da 46 giorni. Il piccolo, con un blitz, è stato portato in una casa famiglia. Nessuno sa quale, né dove. “Sono una mamma italiana, di buona famiglia, ho studiato e lottato per difendere mio figlio e questo è quello che mi ha fatto lo Stato italiano” l’urlo della mamma di Parma, del cui caso la redazione DireDonne si è occupata nell’ambito dell’inchiesta ‘mamme coraggio’.

LEGGI ANCHE: VIDEO | A Parma bimbo sottratto alla madre: “Mio figlio dal 14 agosto è scomparso nel vuoto”

Un dramma purtroppo non isolato: con tante mamme definite simbiotiche, querele di violenza o abusi portate avanti dal penale in totale disallineamento con il civile, sentenze scritte de facto da periti a giudici che decidono per l’obbligo di ‘riallineamento’ di questi bambini con le figure paterne, in totale noncuranza della loro volontà e paura, senza audirli, con metodi polizieschi per deportarli in strutture che assumono i contorni di un carcere. Questa è nei fatti la legge che garantisce la bigenitorialità nel nostro Paese. Procedure di stampo totalitario che prevedono resetting, coercizione dei bambini che o finiscono in strutture che sfuggono ad ogni monitoraggio, con servizi sociali depauperati e spesso invischiati in condotte inquinate da conflitti d’interesse, o sono obbligati a finire con gli abusanti. Giudici onorari che fanno di giorno i giudici e di pomeriggio gli assistenti sociali, magari con qualche ruolo dirigenziale in case famiglie, cooperative e sottobosco sociale connivente. Tutori pagati dai genitori ai quali hanno tolto i figli. Psicoterapeuti che diventano consulenti d’ufficio del Tribunale per persone che hanno seguito. E’ una strada tutta da percorrere seguendo la puzza dei soldi e delle blasonate parcelle. Per non parlare dei consulenti tecnici d’ufficio e dei corsi di formazione a braccetto con i giudici. L’italia di questo pasticcio morale rivoltante, in violazione dei diritti del fanciullo garantiti dalla Dichiarazione universale dell’ONU, scrive sui corpi dei bambini le sue peggiori pagine di malagiustizia e delittuosa indolenza politica. A chi si sente assolto e in pace in nome della legge, possa venire alla mente ogni giorno il volto di Federico Barakat, ucciso a 8 anni dal padre in un incontro protetto, nel 1998, per cui nessuno ha pagato. Da allora il ‘sequestro’ dei bambini continua. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

29 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»