Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Internet, dopo Wikipedia anche il Governo contro la norma Ue sul copyright

Secondo Crimi (M5S) "Google sceglierà chi decide di pagare e di conseguenza verranno favoriti alcuni autori. Più probabilmente i grandi autori"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Con questa norma che vuole mettere in campo l’Unione europea succederebbe che Google dovrebbe far pagare per fare un collegamento di un prodotto e rimandare a un contenuto. Così Google sceglierà chi decide di pagare e di conseguenza verranno favoriti alcuni autori. Più probabilmente i grandi autori. E i piccoli potrebbero venire penalizzati. Verrà favorito chi porterà un vantaggio a Google. E questo è un pericolo. Dobbiamo intervenire nel dibattito all’interno del Parlamento europeo. Noi faremo di tutto per evitare che questa direttiva venga approvata così com’è. Google già oggi decide e con una norma del genere viene legittimata a prendere una decisione e a sostituirsi allo Stato nel decidere quali autori vadano tutelati e in che modo. E’ una modalità errata. Noi faremo di tutto per opporci”. Così Vito Crimi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’informazione, poco fa a La Radio ne parla (Rai Radio1).

LEGGI ANCHE: Wikipedia non funziona, la rete in tilt: l’enciclopedia online sciopera contro la Ue

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»