Coronavirus, Arcuri: “App Immuni già scaricata da un milione e 150 mila italiani”

Mascherine per la maturità e tamponi a man bassa: "Al 31 dicembre il 28% degli italiani sarà stato sottoposto a tampone, cioè quasi un italiano su tre", dice Arcuri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Un milione e 150 mila di italiani hanno già scaricato la App Immuni, un risultato confortante. Da lunedì sarà a pieno regime nelle regioni pilota e dalla settimana successiva in tutta Italia”. Lo dice il commissario per l’emergenza coronavirus Domenico Arcuri, in conferenza dalla Protezione Civile.

“STANARLO, CON MOBILITÀ REGIONI PIÙ RISCHI CONTAGIO”

“Ancora non abbiamo trovato il vaccino, la possibilità di contagio si moltiplica con la mobilità tra regioni. In questa fase abbiamo un dovere: cercare il virus, stanarlo e indebolirlo”, dice Arcuri.

“ENTRO FINE ANNO TAMPONE PER 28% ITALIANI”

Al 31 dicembre il 28% degli italiani sarà stato sottoposto a tampone, cioè quasi un italiano su tre”, dice Arcuri.

“RADDOPPIEREMO QUASI TAMPONI LAZIO E LOMBARDIA”

“Nel Lazio passeremo in media da 3.803 a 6.328 tamponi al giorno, da 12.159 a 21.336 in Lombardia”.

“FAREMO FINO A 89MILA TAMPONI AL GIORNO”

“Dai prossimi giorni potremo fare fino a 89mila tamponi al giorno”, dice ancora Arcuri.

“ASSEMBRAMENTI? PIÙ COLPITO DA MOVIDA CHE DA MANIFESTAZIONI”

“Mi hanno fatto più effetto gli assembramenti dei giovani nelle piazze della capitale senza il distanziamento dovuto”, dice Arcuri, rispetto alle manifestazioni politiche dei giorni scorsi, diventati assembramenti.

“5.2 MLN MASCHERINE PER ESAMI MATURITÀ”

“Da oggi è iniziata la distribuzione dei Dispositivi di protezione individuale nei 3.955 istituti in cui si terranno gli esami di maturità: manderemo 5,2 milioni di mascherine”, dice Arcuri.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»