Franceschini: “Ragioniamo su eventi cultura su piattaforme come Netflix e Raiplay”

Il ministro della Cultura spiega che il mondo degli eventi culturali si sta interrogando sulle possibili modalità di fruizione degli spettacoli per la fase 2
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Alcuni eventi culturali che per il momento non è possibile fare dal vivo si potrebbero ‘svolgere’ su una piattaforma tv a pagamento, dove gli spettatori possano assistere dal divano di casa propria. Lo ha anticipato ieri il ministro della Cultura Dario Franceschini, intervenendo ieri a ‘Che tempo che fa’ e spiegando che si tratta di una “idea su cui abbiamo lavorato e stiamo lavorando con Cassa depositi e prestiti di una piattaforma”, quella di “una sorta di Netflix della cultura italiana, che potrà consentire che alcuni eventi che non si possono fare live si facciano sulla piattaforma a pagamento”, ha detto Franceschini. “Parlo proprio dell’evento con il biglietto venduto senza andare fisicamente in platea, ma vedendolo online. Stiamo ragionando anche con Raiplay”.

“Credo che difficilmente ci potranno essere concerti– ha proseguito il ministro della Cultura-. Stiamo discutendo con il comitato scientifico se sia possibile farli sotto un certo numero di persone, all’aperto e stando seduti, perché stando in piedi non è possibile il distanziamento”, ha aggiunto, spiegando che “dobbiamo trovare altri strumenti”.

LEGGI ANCHE: Conte: “Fase 2 con senso civico e responsabilità, ce la faremo”

“RIAPERTURA MUSEI GRADUALE, NON TUTTI 18 MAGGIO”

“La decisione della riapertura dei musei il 18 maggio sarà da confermare. Apriranno i musei che sapranno garantire le disposizioni di sicurezza. Non riapriranno tutti, ma gradualmente quelli che saranno in grado di farlo”, ha detto ancora Franceschini.

LEGGI ANCHE: Fase 2, Crisanti: “Aperture fatte a tentoni, bisogna far emergere il ‘sommerso’ dei contagiati”

“NON CI SARANNO DISDETTE CONCESSIONI STABILIMENTI BALNEARI”

“Porteremo nel decreto una norma che consente che non ci sia la disdetta delle concessioni. Non ci saranno le disdette da parte dei Comuni dei titolari degli stabilimenti balneari”, h adetto Franceschini a ‘Che tempo che fa’.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»