Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, oltre 2700 contagiati e 107 i morti. Ufficiale la chiusura delle scuole dal 5 al 15 marzo

Si aggiorna il bilancio del coronavirus, dal governo misure drastiche per contenere il contagio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono 2703 le persone positive al coronavirus: di questi, 1064 in isolamento domiciliare, 1344 ricoverati con sintomi, 295 in terapia intensiva. Lo dice il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, in conferenza.

In un giorno, spiega Borrelli, ci sono stati 116 guariti da coronavirus, per un totale di 276 dall’inizio dell’emergenza, e 28 deceduti, per un totale di 107. I morti sono stati 17 in Lombardia, 5 in Emilia Romagna, 3 nel Veneto, 2 nelle Marche, uno in Puglia.

Ci sono 1497 casi positivi in Lombardia, pari al 55%, 516 in Emilia Romagna (19%), 345 in Veneto (12%), il resto e’ distribuito tra tutte le altre regioni del nostro Paese.

“Il 3,47% dei contagiati da coronavirus e’ deceduto, l’8,95% e’ guarito”, aggiunge Borrelli.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’Oms: “Covid-19 virus unico. Mortalità al 3,4%, per l’influenza è meno dell’1%”

AZZOLINA: SCUOLE CHIUSE DA DOMANI AL 15 MARZO

“Abbiamo deciso prudenzialmente di sospendere le attivita’ didattiche fuori dalla zona rossa fino al 15 marzo a partire da domani”. Lo dice Lucia Azzolina, ministra dell’Istruzione, in conferenza a Palazzo Chigi.

“E’ una decisione di impatto- prosegue Azzolina- io spero che gli alunni tornino al piu’ presto e mi impegno perche’ il servizio pubblico essenziale, seppur a distanza, venga fornito ai nostri studenti”.

LEGGI ANCHE: Chiusi cinema e teatri, stop agli eventi pubblici: cosa dice la bozza del decreto

CONTE: STOP SCUOLE DOPO VALUTAZIONE SCIENZIATI

“Questa mattina ci siamo riuniti con tutti i ministri” ma “ci siamo lasciati senza una decisione” sulle scuole. Per questo far uscire la notizia e’ stata una cosa “completamente improvvida”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, parlando a Palazzo Chigi.

C’e’ stato dunque “un approfondimento tecnico scientifico per avere tutti gli elementi di valutazione sulle scuole alla luce della crisi epidemiologica in corso” e la decisione e’ stata presa poco fa, ha spiegato il presidente del Consiglio.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»