Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Roma sit-in di Amnesty per Patrick Zaky

Appuntamento giovedì 5 marzo, a Roma, dalle 18 al Pantheon. La manifestazione precede l'udienza di sabato 7 marzo nella quale si deciderà se rinnovare o meno la detenzione preventiva di Zaky
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Giovedì 5 marzo, a Roma, dalle 18 al Pantheon, Amnesty International manifesterà nuovamente per chiedere la scarcerazione dello studente egiziano dell’Università di Bologna Patrick George Zaky. L’appuntamento precederà l’udienza di sabato 7 marzo nella quale si deciderà se rinnovare o meno la detenzione preventiva di Zaky. L’udienza avrà luogo a un mese esatto dall’arresto, avvenuto all’aeroporto del Cairo, dell’attivista e ricercatore egiziano di 27 anni iscritto a un master dell’Università di Bologna. 

LEGGI ANCHE: Egitto, Patrick Zaky resta in carcere per altri 15 giorni

Come ricorda l’ong in una nota, Zaky era partito da Bologna, dove vive per motivi di studio, per trascorrere un periodo di vacanza nella sua città natale, Mansoura, in Egitto. Una volta atterrato all’aeroporto è scomparso per 24 ore. Nessuno, compresi i suoi genitori, è stato inizialmente informato del suo arresto. È stato poi posto in detenzione preventiva, indagato per cinque diversi capi d’accusa contenuti in un mandato di cattura emesso nel settembre 2019, quando era già in Italia: minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento a manifestazione illegale, sovversione, diffusione di notizie false e propaganda per il terrorismo. 

“L’obiettivo della detenzione preventiva prolungata è di consegnare un prigioniero all’oblio” ha dichiarato Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. Per questo per Noury “è fondamentale che in vista dell’udienza di sabato prossimo, e di quelli che eventualmente seguiranno, non si disperdano l’entusiasmo, l’emozione e la solidarietà dell’ultimo mese e che ognuno continui a fare la sua parte”. 

Alla manifestazione hanno aderito, tra gli altri, Federazione nazionale della stampa italiana, Articolo 21 e Cooperativa Auxilium.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»