Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, probabile chiusura scuole in tutta Italia: il governo sta valutando

Le scuole potrebbero chiudere anche nelle regioni non interessate dalla zona rossa per l'emergenza coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È in corso una valutazione del governo sulla possibile, a questo punto probabile, chiusura delle scuole anche nelle regioni non interessate dalla zona rossa per l’emergenza coronavirus. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha chiesto una relazione tecnica al comitato operativo che affianca il governo nella gestione dell’emergenza. E in mattinata a Palazzo Chigi, contestualmente alla riunione coi ministri, Conte ha visto Walter Ricciardi, consulente del governo e delegato Oms, e il presidente dell’Istituto superiore di sanita’ Silvio Brusaferro.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, per un mese stop a concerti e sport. No a strette di mano, anziani stiano a casa

La misura potrebbe rientrare nel Dpcm di aggiornamento che il governo si appresta a varare nelle prossime ore. A Palazzo Chigi cercano di raccordarsi sul tema anche con le regioni.

Nel pomeriggio il premier sara’ in video conferenza con il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, mentre Luca Zaia del Veneto e Giovanni Toti della Liguria dovrebbero essere presenti a palazzo Chigi. Nel corso del faccia a faccia con le regioni sara’ fatta anche una valutazione sul decreto economico oggetto del Consiglio dei ministri di domani.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Renzi: “Messaggi chiari, serve uno che comandi. Nessuna crisi di governo”

Fai clic sul pulsante modifica per cambiare questo testo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Fai clic sul pulsante modifica per cambiare questo testo. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»