Governo Draghi, scatta il totoministri. Il dubbio: quanta politica?

MARIO DRAGHI
I numeri in parlamento, da infrangere il blocco sovranista alla Camera e al Senato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Tecnico o politico, o piuttosto un mix tra i due? Mentre Mario Draghi si prepara ad avviare le consultazioni con i partiti, le prime ipotesi sulla squadra di governo non sciolgono i dubbi sulla caratura dell’esecutivo del presidente. È la domanda delle prossime ore: quanta politica ci sarà nel governo Draghi?

Due gli schemi che circolano con insistenza in ambienti parlamentari, riportati dalla Dire, e della cui solidità si giudicherà solo nelle prossime ore. L’ossatura è la stessa, cambia la quota di ‘politica’ nell’uno e nell’altro. Sulla presenza dei partiti saranno decisive le scelte che si compiranno a breve, quando si riuniranno i gruppi dirigenti di ogni formazione. Anche per questo nell’uno e nell’altro degli schemi che circolano restano in bianco i vicepremier.

LEGGI ANCHE: Governo Draghi, Conte vice o ministro? Smentita da Palazzo Chigi

LE DUE IPOTESI PER IL GOVERNO DRAGHI

I nomi in comune alle due ipotesi della squadra di Draghi sarebbero Carlo Cottarelli al Recovery Fund, Marco Bentivogli al Mise, Enrico Giovannini all’Ambiente, Tito Boeri al Lavoro e alla Previdenza, Patrizio Bianchi all’Istruzione e Antonella Polimeni all’Università e ricerca.

Se Mario Draghi sceglierà di giocare la carta della politica, e se i partiti lo asseconderanno, si ipotizza che possano entrare nell’esecutivo Giancarlo Giorgetti all’Interno, Emma Bonino agli Esteri, Stefano Patuanelli alle Infrastrutture, Paola Severino alla Giustizia, Mara Carfagna alla Salute.

Se invece si sceglierà un governo dal profilo tecnico, seppure popolato da esponenti considerati di ‘area’, al Viminale potrebbe restare Luciana Lamorgese, agli Esteri andrebbe Giampiero Massolo, al Mef Fabio Panetta, Raffaele Cantone andrebbe alle Infrastrutture e Marta Cartabia alla Giustizia. Alla Salute la virologa Ilaria Capua.

Si tratta evidentemente di pure ipotesi, che circolano tuttavia con insistenza in Parlamento. Alla vigilia del colloquio tra Draghi e il capo dello Stato Sergio Mattarella, e prima delle consultazioni che Draghi avvierà coi partiti, è arduo dire quanto siano fondate. Di certo si tratta di proiezioni che riflettono i desiderata di queste ore.

Il passaggio parlamentare è un’altra storia. Il governo Draghi deve vincere la resistenza di un blocco di 174 senatori ‘filo-sovranisti’ (19 Fdi, 63 Lega, 92 M5s) e 355 deputati (33 Fdi, 131 Lega, 191 M5s). Un’incognita a sé è la possibile presenza del premier uscente Giuseppe Conte. Nel caso per lui si ipotizza, per ora solo sulla carta, un incarico agli Esteri.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»