Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Governo Draghi, Conte vice o ministro?

draghi_conte
Lungo colloquio a Chigi, si sono vagliate alcune ipotesi relative alla partecipazione di Conte al prossimo esecutivo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A quanto apprende l’agenzia Dire nel corso del lungo colloquio tra il premier incaricato Mario Draghi e il presidente del consiglio dimissionario Giuseppe Conte a Palazzo Chigi si sono vagliate alcune ipotesi relative alla partecipazione di Conte al prossimo esecutivo. Tra le postazioni considerate in ipotesi il ministero degli Esteri, (nel caso – viene spiegato – Luigi Di Maio potrebbe segnalare una disponibilita’ in tal senso), ma anche la vicepresidenza del Consiglio. La decisione nelle prossime ore. E’ considerata propedeutica a ricompattare il fronte dei giallorossi Pd-M5s e Leu intorno a Draghi.

LEGGI ANCHE: Governo, Draghi accetta l’incarico con riserva: “Fiducioso che emerga unità”

“Le notizie che stanno trapelando in queste ore sul colloquio tra Giuseppe Conte e Mario Draghi sono totalmente inventate. In particolare, e’ destituita di fondamento l’indiscrezione secondo cui nel corso dell’incontro si sarebbe parlato di incarichi di governo per il Presidente Conte. Ancora una volta si torna a ribadire che in questa fase tutti i virgolettati e retroscena attribuiti a Giuseppe Conte sono destituiti di fondamento”. Cosi’ fonti di Palazzo Chigi.

LEGGI ANCHE: Franceschini, appello al M5s: “Sostenete Draghi con noi”

PALAZZOTTO E RUOTOLO: RUOLO A CONTE, PUNTO RIFERIMENTO COALIZIONE

“Sarebbe un errore enorme se le forze che hanno sostenuto il governo uscente si dividessero ora, in questa fase cosi’ delicata per la formazione del nuovo governo. Dobbiamo rimanere uniti per continuare a costruire l’alternativa alla Lega e alle forze sovraniste e populiste. Decidiamo insieme quali sono le priorita’ e le cose da fare subito per il futuro del nostro Paese. A partire dal ruolo da affidare a Giuseppe Conte come punto di riferimento di questa coalizione“. Lo dichiarano in una nota il deputato di LeU, Erasmo Palazzotto e il senatore indipendente del Gruppo Misto Sandro Ruotolo.

LEGGI ANCHE: Crimi: “No al governo tecnico, noi ancora determinanti. E a Renzi…”

DI MAIO: M5S COMPATTO, NOI DETERMINANTI

“Ricordiamo che nel 2018 abbiamo preso il 33% dei voti e in Parlamento siamo la forza politica piu’ grande, siamo determinanti. Ora dobbiamo mostrarci compatti. Molti scommettono su una nostra scissione, sono anni che ne raccontano, mentre a scindersi sono stati altri. Noi dobbiamo reagire con forza e sangue freddo. Chiedo unita’ a tutti, compattezza a tutto il Movimento. Nessuno pensi di dividerci”. Cosi’ Luigi Di Maio in assemblea.

LEGGI ANCHE: Governo, Di Battista cita Cossiga: “Draghi svenderà l’Italia”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»