hamburger menu

Giulia Cecchettin, martedì a Padova i funerali

Il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha firmato l'ordinanza che prevede il lutto regionale

Pubblicato:03-12-2023 12:17
Ultimo aggiornamento:06-12-2023 19:43
Canale: Cronaca
Autore:
giulia cecchettin
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Si terranno martedì 6 dicembre a Padova i funerali di Giulia Cecchettin, la 22enne uccisa dall’ex fidanzato Filippo Turetta. La cerimonia funebre si terrà alle 11 nella Basilica di Santa Giustina. Per l’ultimo saluto a Giulia, sono attese circa 10mila persone che potranno seguire la cerimonia attraverso i maxi schermi presenti nella piazza di fronte la chiesa. Un secondo momento di preghiera dedicato a Giulia, è previsto poi a Saonara, dove la ragazza sarà sepolta accanto alla mamma.

LEGGI ANCHE: Giulia Cecchettin, per l’avvocato c’è anche lo stalking: “Era un assedio psicologico”

LEGGI ANCHE: Il papà di Giulia Cecchettin: “Parlate, denunciate, fidatevi”

LEGGI ANCHE: Filippo Turetta e l’infermità mentale: come si esegue la valutazione e come influenza la responsabilità penale

LUTTO REGIONALE IN VENETO

Intanto, attraverso una nota, il presidente Luca Zaia, ha firmato l’ordinanza di lutto regionale per il 6 dicembre. “Martedì, per le esequie di Giulia, chiedo all’intero Veneto un segnale corale, forte e chiaro, contro la violenza di genere. Una giornata che diventi indelebile, che segni il passo perché fatti come questo possano non ripetersi più. Lo dobbiamo a Giulia, nel cui ricordo – e nel ricordo di tutte le donne uccise senza un perché – continueremo a lavorare stretti gli uni agli altri nel combattere la violenza di genere”, scrive. “Esprimo nuovamente, anche avvicinandosi ai funerali, la mia vicinanza alla famiglia di Giulia e a tutti coloro che le vogliono bene. La vicenda di questa ragazza ha segnato nel profondo l’intera comunità; poteva essere nostra figlia, sorella, nipote, amica. È una triste pagina che ha portato il Veneto e l’Italia a identificarsi con questo dramma. Serve un segnale forte, anche dal punto di vista simbolico: invito tutte le istituzioni a porre le bandiere a mezz’asta e i cittadini a indossare fiocchi rossi, e ad esporli sulle porte elle finestre delle proprie case. Chiedo anche alle attività economiche di osservare, durante le esequie, un momento di pausa nelle attività. L’auspicio è che da questa tragedia nasca un movimento che con voce alta, corale, forte, esprima ogni giorno al mondo un messaggio contro la violenza sulle donne”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-12-06T19:43:50+01:00

Ti potrebbe interessare: