hamburger menu

Tg Politico Parlamentare, edizione del 3 ottobre 2022

I titoli e il tg politico parlamentare della Dire

Pubblicato:03-10-2022 18:03
Ultimo aggiornamento:03-10-2022 18:03
Canale: TG-Politico
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

GOVERNO, BONOMI: NO ALLA FLAT TAX

“Il governo salvi l’industria, senza industria non c’è l’Italia”. E’ l’appello lanciato dal presidente di Confindustria Carlo Bonomi all’assemblea degli industriali di Varese. Il prossimo governo, spiega Bonomi, “deve salvare il sistema industriale italiano dalla crisi energetica, è un tema di sicurezza nazionale”. Per questo, il numero uno di Confindustria auspica la formazione dell’esecutivo il prima possibile, “con ministri autorevoli, competenti e inappuntabili”. Bonomi ha poi messo in guardia il governo nascituro a mantenere una disciplina nei conti pubblici: “Non possiamo permetterci immaginifiche flat tax e prepensionamenti”. Quanto all’esito del voto, Bonomi non ha voluto esprimersi: “Non tifiamo nè per uno e nè per l’altro. Proponiamo le misure e giudichiamo cosa viene fatto”.

L’OCCUPAZIONE NON RECUPERA IL DIVARIO COVID

Nel 2021 la ripresa del tasso di occupazione della popolazione tra i 20 e i 64 anni non porta l’Italia a recuperare pienamente il livello pre-pandemia: si registra ancora un calo dello 0,8%. E’ quanto emerge dal Rapporto Istat sul Benessere equo e sostenibile dei territori. Il miglioramento non è uniforme nel territorio e appare più contenuto nelle province che hanno registrato perdite ingenti partendo da tassi di occupazione più elevati. Al Nord, la maggioranza delle province più colpite nella prima ondata pandemica resta nel 2021 ancora su livelli inferiori al 2019. In province come Padova, Belluno e Bolzano le perdite superano i 3,5 punti. Lo stesso avviene per il Centro. Nel Mezzogiorno aree di ripresa in contro-tendenza con le eccezioni delle province di Sassari, Campobasso, Brindisi e Siracusa dove i dati occupazioni sono ancora in negativo.

BRASILE, BALLOTTAGGIO TRA LULA E BOLSONARO

Brasile in bilico. Servirà il ballottaggio, il 30 ottobre, per conoscere il prossimo presidente della Repubblica brasiliano. Non ha vinto al primo turno Luiz Inacio Lula da Silva il candidato della sinistra che ha raccolto il 48% dei voti. Jair Bolsonaro va oltre le aspettative e incassa il 43%. Per Lula il ballottaggio è solo un rinvio della vittoria. Per la vice ministra degli Esteri Marina Sereni la rimonta di Bolsonaro è stata più consistente del previsto. La dem sottolinea tuttavia che Lula “ha fatto una grande campagna elettorale sulla lotta alle diseguaglianze e la necessità di far ripartire il Brasile verso uno sviluppo umano ed economico”.

LA PROPOSTA, TICKET BONACCINI-SCHLEIN PER IL PD

Da Bologna con furore: Bonaccini e Schlein in ticket. E’ questa la suggestione che sta prendendo piede nel Pd in crisi: adottare la formula di governo dell’ormai quasi unica regione rossa italiana. “E’ un mio auspicio personale”, spiega il deputato Andrea De Maria, fin dalle prime ore schierato con Bonaccini candidato segretario. Da una parte c’è Bonaccini, che attrae l’area dei riformisti a cominciare dagli ex renziani. Dall’altra la Schlein, vista dalla sinistra come l’anti-Meloni. L’unica vera controindicazione consisterebbe nel lasciare ‘scoperto’ il vertice amministrativo dell’Emilia Romagna, sulla base di un impegno volontario del numero uno e del numero due del governo locale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-10-03T18:03:02+01:00