Processo a Salvini, udienza rinviata al 20 novembre. Il giudice convoca Conte e Di Maio

"Sono soddisfatto che debba essere ascoltata anche l'attuale ministro dell'Interno Lamorgese", dice il leader della Lega
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il giudice e’ entrato in camera di consiglio e alla fine e’ stata emessa un’ordinanza. In sintesi, il giudice ha rilevato che esistono nel fasciscolo delle contraddizioni e ritiene di dover fare approfondimenti. La difesa di Salvini ha richiesto di sentire il ministro Lamorgese, l’unico teste richiesto, al fine di verificare se la procedura contestata fosse trasparente e legale. E’ stata accolta la richiesta della difesa e sara’ sentito il ministro Lamorgese. Il giudice ha ritenuto di convocare anche Conte, Di Maio, Toninelli, Trenta e altre persone informate dei fatti. E nella prossima udienza di fara’ questa escussione dei testimoni”. Lo dice Giulia Bongiorno, avvocato difensore di Matteo Salvini a Catania al termine dell’udienza preliminare sul caso Gregoretti. “Siamo soddisfati per questa ordinanza. Allarghiamo la visuale e dopo aver sentito i testimoni valuteremo”.

LEGGI ANCHE: Sondaggio sul caso Gregoretti, gli italiani bocciano il processo a Salvini

“Tornero’ in questa splendida citta’, ma non da solo. A differenza di altri non cambio faccia e giudizio se sono al governo o all’opposizione. Credevo e credo che tutelare i confini dell’Italia fosse un dovere“, dice invece il leader della Lega. Matteo Salvini.

Sono contento che debba essere ascoltata anche l’attuale ministro dell’Interno Lamorgese– aggiunnge- e che le si possa chiedere: avete fatto qualcosa di diverso l’anno successivo? Perche’ in decine di interviste si dice che l’iter e’ stato lo stesso, anche con una permanenza di 11 giorni, e non 4, in attesa di ricollocamento”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»