VIDEO | Covid, Fontana: “Assembramenti per scudetto Inter pericolosi, non accada più”

assembramenti piazza duomo
Il presidente della Regione Lombardia ricorda che è fondamentale il rispetto delle misure di sicurezza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Marialaura Iazzetti

MILANO – “Speriamo che situazioni del genere non abbiano conseguenze e speriamo si evitino condizioni di questo genere perché rischiano di essere pericolose“. Così il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, al termine dell’inaugurazione dell’hub vaccinale allo Spazio Mil di Sesto San Giovanni, commenta gli assembramenti per la vittoria dell’Inter, che ieri ha conquistato il suo diciannovesimo scudetto.

LEGGI ANCHE: Inter campione d’Italia, polemiche per i festeggiamenti a piazza Duomo

Fontana sottolinea che era “probabile che si potessero verificare” assembramenti e che ora l’importante è che non accadano più. Secondo il presidente, bisogna chiedere alle persone “il rispetto delle misure di sicurezza“. Le conseguenze dei festeggiamenti di ieri, fa notare Fontana, si sapranno solo “tra due settimane”. Il governatore, nonostante tifi Milan, si dice “contento” della vittoria dell’Inter, perché comunque ha vinto “una squadra lombarda ed è un segno della grande ripartenza della Lombardia“. Per il presidente, sarebbe il “top” avere Milan e Atalanta in Champions. Nel pomeriggio, il presidente della Regione Lombardia si è vaccinato all’ospedale in Fiera a Milano. Come previsto per gli over 60, anche il governatore è stato vaccinato con AstraZeneca. “Non ho sentito nessun fastidio – ha commentato al termine della somministrazione – Sono contento di essere stato vaccinato proprio qua, uno dei luoghi simbolo della lotta al Covid”. Fontana, che riceverà il richiamo “a fine luglio”, auspica che “tutti i lombardi aderiscano alla campagna vaccinale” perché “è l’unico modo per sconfiggere il virus. Ogni giorno la Lombardia fa oltre il 23% del totale nazionale delle somministrazioni – conclude il governatore – per aumentare le inoculazioni avremmo bisogno di più vaccini”.

AGIS: “SCONCERTO, LE REGOLE SIANO UGUALI PER TUTTI”

“Le scene a cui in molti abbiamo assistito ieri a Milano, in occasione dei festeggiamenti per lo scudetto vinto dall’Inter, mi lasciano sinceramente sconcertato”. Così in una nota Carlo Fontana, presidente Agis – Associazione Generale Italiana dello Spettacolo -, commenta “l’enorme assembramento di tifosi – quantificato dalla Questura in 30mila persone – scesi nelle maggiori piazze del capoluogo lombardo per festeggiare il titolo vinto dalla propria squadra”. Fontana aggiunge che “mentre il mondo dello spettacolo sta faticosamente tentando di ripartire attenendosi alle numerose restrizioni imposte, assistiamo a scene come quelle di ieri, assolutamente inaccettabili. Che senso ha imporre delle regole che poi non vengono rispettate e permettere, senza un adeguato controllo, un assembramento di persone, peraltro molte delle quali senza mascherine e senza il dovuto distanziamento?”. E ancora: “Voglio sperare e mi auguro che quanto accaduto ieri rimanga un fatto isolato, e che possa essere da monito per il futuro. Non vorrei al contrario – conclude – che passasse il segnale che in questo Paese, per usare un termine non a caso calcistico, esistano categorie di Serie A, di Serie B e così a scendere. Sarebbe un fatto gravissimo e intollerabile”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»