Coronavirus, le misure anti contagio in Perù: uomini e donne escono a giorni alterni

Le uscite a giorni alterni si aggiungono al coprifuoco in vigore tutti i giorni dalle sei di sera alle cinque della mattina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Gli uomini lunedì, mercoledì e venerdì, le donne martedì, giovedì e sabato: per contenere i contagi da Covid-19, in Perù il governo ha deciso di limitare la circolazione per le strade secondo i giorni della settimana e in base al genere. La domenica le restrizioni verranno applicate a tutti i cittadini senza differenze. La misura si va ad aggiungere al coprifuoco, in vigore tutti i giorni dalle sei di sera alle cinque della mattina, e non sarà applicata ai lavoratori impiegati nei servizi essenziali.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, alle Mauritius adesso la spesa si fa in ordine alfabetico

Le disposizioni, si legge sul quotidiano Correo, resteranno in vigore almeno fino al 12 aprile, ultimo giorno dello stato d’emergenza decretato a marzo. A dare l’annuncio è stato il presidente Martin Vizcarra, che si è consultato con un gruppo di esperti e con i ministri di Interni e Difesa. Secondo la stampa locale, a provocare l’inasprimento delle misure è stato anche l’atteggiamento della popolazione, che ha ignorato diversi aspetti della normativa.

LEGGI ANCHE: Coronavirus e il “cacerolazo” in balcone degli argentini: “Politici dovete tagliarvi gli stipendi”

Il capo dello stato, riferisce il giornale El Comercio, ha definito l’introduzione della circolazione differenziata “una seconda martellata” alla curva dei contagi nel Paese. Per Vizcarra l’obiettivo è far sì che “ci sia il minor numero possibile di persone in strada”. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), a oggi nel Paese i casi confermati di Covid-19 sono oltre 1400, con almeno 55 decessi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

3 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»