Ex ilva, Melucci: “ArcelorMittal ha finalmente scoperto la pandemia”

"Se non spengono tutto per il coronavirus, lo devono fare per le emissioni inquinanti" aggiunge il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI –  “Impianti in standby e lavoratori al sicuro a casa, con buona pace dei ricavi? Ben arrivata sulla Terra del 2020 ad ArcelorMittal”. È quanto dichiara il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci commentando la lettera che l’amministrazione delegato di ArcelorMittal, Lucia Morsello ha inviato al governo paventando la possibile fermata degli impianti. “Hanno finalmente scoperto la pandemia globale e compreso i sacrifici di qualunque impresa mondiale – aggiunge Melucci – Tanto, se non spengono tutto per il coronavirus, lo devono fare per le emissioni inquinanti che ancora provocano e per effetto dell’ordinanza sindacale che pende sulle loro teste”. “Lasciassero in pace il prefetto di Taranto e si preparassero senza ulteriori indugi”, rimarca il primo cittadino e conclude: “voglio proprio vedere se il governo del green new deal e del lockdown questa volta si macchierà dell’onta di creare per loro deroghe inumane”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»