Tg Ambiente, edizione del 3 marzo 2020

Dal primo festival del giornalismo ambientale al sentiero 'Fiume di lava' sul Vesuvio, scopri tutte le news
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://www.youtube.com/watch?v=TAItMV6ISYk&feature=youtu.be

– VENERDI’ A ROMA FESTIVAL GIORNALISMO AMBIENTALE

Venerdì 6 marzo alle 9 taglio del nastro al Maxxi, a Roma, per il primo Festival del giornalismo ambientale che si svolgerà fino a domenica 8 marzo. Una tre giorni tutta green per dare voce e visibilità all’informazione ambientale, ai nuovi scenari e alle sfide della transizione ecologica coinvolgendo protagonisti del mondo dei media, delle istituzioni, dell’economia e della ricerca. L’iniziativa è del ministero dell’Ambiente e dell’Enea, con Ispra e Fima, la Federazione italiana dei media ambientali. Oltre 50 le testate coinvolte e oltre 100 i relatori. “L’intento- dice il ministro dell’Ambiente Sergio Costa- è di mettere al centro dell’attività giornalistica al centro l’ambiente, perche stiamo affrontando un percorso impegnativo che guarda al futuro, a un futuro green, e mi e sembrato giusto e corretto coinvolgere i giornalisti nella loro funzione principale di informare, raccontare ma anche di formare, i giovani e i meno giovani in un percorso nuovo, in una visione completamente nuova”. “L’idea è di aiutare la maggiore sensibilità rispetto alle tematiche dell’ambiente e della sostenibilità introducendo anche tutta una serie di proposte concrete che possono aiutarci a cambiare davvero le cose- dice Federico Testa, presidente Enea- perché il tema non è solo quello della testimonianza, di dire che siamo tutti convinti che dobbiamo intervenire, il tema è anche quello di capire concretamente come fare”.

– MORASSUT: IN ARRIVO DL SU DISSESTO IDROGEOLOGICO

Sul dissesto idrogeologico, a fronte di diversi provvedimenti stratificatisi negli anni che alla fine hanno complicato le cose più che risolverle, “la nostra intenzione è quella di produrre un decreto”, perché “non c’è niente di più urgente e necessario” di un intervento su un tema che mette a vario titolo a rischio 9 Comuni italiani su 10. Un decreto che arriverà in Parlamento “il prima possibile, possibilmente prima di Pasqua o subito dopo”. Roberto Morassut, sottosegretario all’Ambiente, lo dice nell’ambito di un incontro con l’Anbi, l’Associazione nazionale bonifiche e irrigazioni, nella sede dell’agenzia Dire. Le parole del sottosegretario vengono accolte con favore da Massimo Gargano, direttore generale Anbi: “Spesso abbiamo rimproverato alla politica i tempi lunghi, un delta enorme tra il pensare e l’agire, oggi sento con grandissimo piacere che il delta si annulla, siamo in tempi oggettivamente reali”. Un’accelerazione sul tema del dissesto idrogeologico rappresenterebbe “una cosa utile al Paese, all’economia e all’occupazione, complimenti a chi se ne fa carico”, aggiunge Gargano.

– VESUVIO. COSTA INAUGURA IL SENTIERO FIUME DI LAVA

“Il Parco del Vesuvio ha subito uno scempio e un’aggressione ambientale pesante, ma è ripartito”. Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, a Ercolano ricorda gli incendi che nel 2017 distrussero il Vesuvio, e lo fa in occasione del taglio del nastro di un nuovo sentiero del Parco, quello del cosiddetto Fiume di Lava. L’intervento rientra nell’ambito del Grande Progetto Vesuvio, il masterplan strutturato proprio a seguito dei devastanti roghi del 2017. Il sentiero numero 9 Fiume di Lava consente di giungere alle colate laviche che sono discese verso valle tra il Gran Cono e il Monte Somma grazie all’inserimento di gradini e rompitratta. “I Parchi naturali sono scrigni della natura”, ha sottolineato Costa, ringraziando le decine di studenti delle scuole primarie che hanno partecipato all’apertura del sentiero nonostante i timori connessi alla diffusione del Coronavirus.

– WWF: TIGRE ANCORA RISCHIA, CE NE SONO SOLO 4MILA

Nel 2010 sembrava che per la tigre non vi fossero più speranze. Il disboscamento e le bonifiche avevano eliminato il 95% del suo habitat e il bracconaggio legato al commercio illegale di parti del suo corpo aveva portato il felino sull’orlo dell’estinzione. 10 anni fa si contavano circa 3.200 tigri libere in natura: nel secolo precedente in Asia se ne stimavano circa 100.000. A novembre 2010 le 13 nazioni che ospitano il maestoso felino si sono riunite in un vertice straordinario dal quale è scaturito il progetto TX2. Il risultato è stato l’impegno a raddoppiare il numero delle tigri selvatiche entro il 2022, il prossimo anno della tigre nel calendario lunare cinese. Oggi dati e indagini indicano come il numero di tigri libere in natura si stia avvicinando a 4.000 individui. In occasione del World Wildfide Day, la Giornata Mondiale della fauna selvatica che si celebra il 3 marzo, il Wwf ha scelto di raccontare le importanti vittorie ottenute grazie al progetto TX2. “Ognuno di noi può diventare wildlife protector sul sito wwf.it/wildlifetiger”, segnala l’associazione.

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»