VIDEO | La Somalia è invasa dalle locuste, proclamata l’emergenza nazionale

Gli sciami di insetti che hanno invaso il paese rischiano di provocare una grave crisi alimentare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il governo della Somalia ha dichiarato l’emergenza nazionale a causa dell’invasione delle locuste che colpisce da giorni l’Africa orientale, ritenuta dalle Nazioni Unite “la peggiore degli ultimi 25 anni“. Il ministero dell’Agricoltura e delle irrigazioni di Mogadiscio ha definito la devastazione causata dagli sciami di insetti “una grande minaccia” alla “già fragile” situazione alimentare nel Paese, come si legge in una nota diffusa ieri.

Il responsabile del dicastero, Said Hussein Lid, ha affermato che la “severità” della crisi impone il massimo sforzo per “proteggere la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza del popolo somalo”.

 

Secondo Hussein Lid, inoltre, bisogna agire subito per evitare l’insorgere di “una seria crisi alimentare che non possiamo permetterci in nessun modo”. Stando ai dati diffusi dalla Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), un piccolo sciame di locuste, che si muove su una superficie pari a un chilometro quadrato, è in grado di consumare in un giorno la stessa quantità di cibo di 35mila persone.

L’organismo dell’Onu ha detto che sono cinque i Paesi colpiti, oltre alla Somalia e al Kenya, anche Etiopia, Gibuti ed Eritrea. La Fao ha fatto inoltre sapere che le conseguenze della crisi potrebbero essere devastanti in un’area dove sono già 12 milioni le persone che soffrono con una grave situazione di insicurezza alimentare. Quindici milioni di euro sono già stati stanziati dall’Organizzazione per affrontare l’emergenza, a fronte dei 76 richiesti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

3 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»