I trasporti ‘croce’ dei romani. E il Papa: “Atac, fai di più”

ROMA - Papa Bergoglio ormai dimostra di conoscere molto bene
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
atacROMA – Papa Bergoglio ormai dimostra di conoscere molto bene Roma, e non solo per il suo valore spirituale di ‘Citta’ eterna’, ma anche per i suoi problemi quotidiani: “oggi la qualita’ della vita sociale dipende molto dalla qualita’ dei trasporti”, ha detto Francesco rivogendosi ai 7.500 dipendenti dell’Automobile Club d’Italia (Aci) e agli 8mila dipendenti dell’Atac, nel corso dell’udienza giubilare dello scorso 30 gennaio.
Per il Capo della Santa Sede, un imperativo categorico e’ anche quello di “ridurre l’inquinamento” urbano, percio’ ha esortato Aci e Atac a fare di piu’ per ridurlo.
Non ha poi omesso di ringraziare i dipendenti dell’azienda pubblica “per i servizi destinati ai pellegrini, specialmente in questo anno giubilare”.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»