Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Coronavirus, Zampa: “Governo valuta obbligo di mascherine all’aperto”. Zaia frena

Per la sottosegretaria alla Salute "il governo valuta settimana per settimana e non e' da escludere un provvedimento nazionale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Si potrebbe decidere di usare le mascherine all’aperto di fronte alla ripresa di focolai. Ci si sta pensando da molte parti”. Lo ha detto da Bari la sottosegretaria alla Salute, Sandra Zampa. “Ieri abbiamo avuto un aumento secco di piu’ di 500 casi e dobbiamo fare in modo che il sacrificio enorme che abbiamo fatto come Paese tutti insieme dia risultati permanenti”, ha spiegato.

“Se oggi l’Italia puo’ vantare numeri cosi’ radicalmente diversi dal resto d’Europa e’ perche’ siamo stati molto rigorosi- ha continuato-. Quindi di fronte a una ripresa molti sindaci e presidenti di Regione stanno andando in questa direzione. Il governo valuta settimana per settimana e non e’ da escludere un provvedimento nazionale“.

LEGGI ANCHE: Il Lazio firma ordinanza: “Mascherina obbligatoria anche all’aperto”

Sulla proposta arriva, però, lo stop parziale del governatore del Veneto Luca Zaia: “Valutiamo tutte le misure, in questa fase ancora non abbiamo valutato l’obbligo di mascherina all’aperto, non escludo che ci si possa arrivare in una fase successiva. I dati sono fondamentali e il Veneto ha dimostrato di saperli leggere”, aggiunge Zaia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»