VIDEO | Venezia 77 al tempo Covid, pubblico diviso tra emozione e malinconia

L'agenzia Dire al Lido ha raccolto le impressioni degli affezionati alla Mostra del Cinema
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

VENEZIA –  Tra incertezze, rischi, difficolta’ e tanta determinazione, la 77. Mostra del Cinema di Venezia si e’ aperta oggi in presenza restituendo al pubblico un po’ di quella normalita’, che il Coronavirus ha messo in stand-by per piu’ di due mesi. Nonostante l’edizione di quest’anno abbia dovuto mettere in atto misure di sicurezza rigide, come murare il red carpet per non creare assembramenti, per gli affezionati alla kermesse e’ sempre un’emozione partecipare alla manifestazione cinematografica italiana piu’ importante. “Vengo qui tutti gli anni perche’ sono appassionata di cinema e nonostante il Covid e le precauzioni della Mostra, come la barriera sul carpet, per me non e’ cambiato nulla. C’e’ sempre un’atmosfera magica”, ha detto una signora all’agenzia Dire. Entusiasmo condiviso anche da un’altra intervistata: “La Mostra deve esserci sempre”.

Tra gli intervistati c’e’ a chi non dispiace il Lido poco popolato rispetto alle scorse edizioni. “Sembra tutto molto strano, egoisticamente non mi dispiace che ci sia meno gente, anche se e’ una situazione difficile per chi vive dell’indotto della Mostra del Cinema. Inoltre la possibilita’ di prenotare gli eventi online e’ molto comodo. Da appassionata della settima arte sono contenta che questa edizione ci sia”. Al Lido, pero’, c’e’ anche chi sta vivendo la kermesse con molta malinconia: “il mood e’ molto diverso rispetto agli anni scorsi. La cosa che piu’ mi ha colpito e’ l’enorme muraglia che copre il tappeto rosso che spero che negli anni avvenire, quando questa situazione finira’, si possa tornare alla normalita’ perche’ il punto di forza della Mostra di Venezia e’ proprio la vicinanza del fan agli artisti. Spero che questa sia solo un’eccezione”, ha raccontato alla Dire una giovanissima affezionata alla manifestazione.

Tra le voci raccolte oggi pomeriggio dalla Dire in giro per il Lido c’e’ chi soffre per la mancanza di assistere alla consueta sfilata delle star sul tappeto rosso: “La Mostra e’ cambiata con il Covid, ci sono molte restrizioni: non assistere al red carpet e’ una cosa negativa per chi e’ appassionato del cinema e degli attori perche’ non si riesce ad avere empatia con i personaggi famosi e quindi perde molto del suo effetto ‘festaiolo’. Per quanto riguarda i film, le pellicole italiane in programma sono ottime”, ha detto una habitue’ della kermesse. Guarda la videointervista al pubblico di Venezia 77.

LEGGI ANCHE: A Venezia77 i ‘Lacci’ di Luchetti, legami che fanno male

Cate Blanchett arriva a Venezia 77: “L’emergenza Covid? Gli altri Paesi non hanno imparato dall’Italia”

‘Molecole’ in pre-apertura a Venezia 77, il regista: “La città riparte se resa accessibile”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

2 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»