Reddito di emergenza fino a 800 euro e detrazioni per i centri estivi: cosa dice la bozza del decreto

Il decreto di aprile dovrebbe essere approvato la prossima settimana. Prolungati i congedi parentali speciali, bonus baby sitter raddoppiato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Cassa integrazione estesa al 31 maggio, lo stop per i licenziamenti sale da due a 5 mesi, rinnovo dei congedi speciali di 15 giorni per i genitori e bonus baby sitter fino a 1.200 euro. Per medici e infermieri sarà di duemila euro. E’ quanto emerge dall’ultima bozza del decreto aprile che il governo approverà la prossima settimana.

Arriva una detrazione fiscale da 300 euro per i centri estivi dei ragazzi fino a 16 anni per le famiglie con redditi sotto i 36 mila euro.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il Comune di Milano aprirà i centri estivi per i bambini

Il bonus da 600 euro per gli autonomi resta per il mese di aprile mentre a maggio viene incrementato a mille euro per le partite Iva, artigiani e commercianti con il 33 per cento di fatturato perso rispetto all’anno scorso. Da due a seicento euro l’aiuto per colf e badanti che hanno subito una riduzione del 25 per cento dell’orario di lavoro.

Il Rem viene istituito per 3 mesi, può arrivare a 800 euro per le famiglie con Isee sotto i 15 mila euro.

Infine, tutti coloro che percepiscono un sussidio potranno stipulare un contratto per lavorare nel settore agricolo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»