Reggio Calabria, mamme bimbi autistici in sciopero della fame e della sete

sit-in mamme bimbi autistici
Hanno organizzato un sit-in di protesta di fronte l'ingresso della direzione generale dell'Asp e chiedono di essere ricevute dai responsabili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Siamo esasperate, abbiamo iniziato lo sciopero della fame e della sete e non andremo via se non saremo ricevute dai responsabili dell’Asp di Reggio Calabria per porre fine a questa situazione assurda che va avanti da oltre due anni”. Così alla Dire la signora Angela Villani dell’associazione Il volo delle farfalle, impegnata con altre 13 mamme di bambini autistici, in un sit-in di protesta di fronte l’ingresso della direzione generale dell’Asp di Reggio Calabria.

“Dopo le ordinanze del Tribunale, dopo tante lotte e la presa di coscienza dell’Asp e dei commissari – aggiunge – abbiamo immaginato che il diritto alle cure per i nostri figli prendesse concretezza. Ma ciò non avviene, si passa da un ufficio all’altro, da un impiegato all’altro, da infinite pec e comunicazioni certificate e inviate dal nostro legale Stefania Pedà, senza riscontro. Vorremmo precisare che si tratta di un diritto alle cure, diritto sancito da un Tribunale a favore dei nostri bambini. Non possiamo rivolgerci sempre alle forze dell’ordine per segnalare – conclude – i ritardi nell’erogazione dei rimborsi delle cure mediche per i nostri figli”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»