L’occhio di Willy e le parole di Ungaretti: a Colleferro un murale per il giovane ucciso

L'opera è stata realizzata e donata alla città dallo street artist Zhew
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

COLLEFERRO – “Dopo tanta nebbia a una a una si svelano le stelle”. Si leggono le parole eterne di ‘Sereno‘, la poesia sulla precarietà della vita umana composta nel luglio del 1918 da Giuseppe Ungaretti, sul murale dedicato a Willy Monteiro Duarte che da ieri  murale willy zhewricorda anche a Colleferro la vita del 21enne di Paliano ucciso di botte nella notte tra il 5 e il 6 settembre proprio nella cittadina in provincia di Roma, omicidio per cui sono indagati quattro ragazzi della vicina Artena.

Il murale di Colleferro ‘A Willy’ è, infatti, il terzo omaggio della street art al giovane di origine capoverdiana e arriva dopo quello realizzato a Paliano da Ozmo e ad Artena da Alex Fenn.

LEGGI ANCHE: FOTO | ‘Artena sta con Willy’, oltre 3mila in corteo e un murale per Monteiro

La scelta del luogo non è casuale. Il dipinto, che ritrae l’occhio di Willy su una striscia color arancio su sfondo nero col suo anno di nascita e di morte, è stato infatti realizzato sulla rampa del parcheggio multipiano di corso Garibaldi, a pochi passi dal luogo del delitto a largo Oberdan, ricoperto da quel giorno di fiori, luci, disegni e pensieri. Autore dell’opera Stefano Bove, in arte Zhew, studente 26enne dell’Accademia delle Belle Arti di Roma e writer alla sua prima collaborazione ufficiale con un Comune.

murale willy zhew“Stefano ha disegnato di getto questo bozzetto e lo ha presentato al Comune di Colleferro che lo ha autorizzato- racconta all’agenzia di stampa Dire Rossella Menichelli, compagna di corso di Zhew in accademia che lo ha aiutato a scegliere il muro e a mettersi in contatto con l’amministrazione comunale- Per lui si tratta di un gesto di impegno civile, io credo un bel gesto da un ragazzo per un altro ragazzo, fatto a sua cura e sue spese, in occasione di un evento troppo grande e doloroso“. Nel murale “si vede quest’occhio di Willy”, a rappresentare “uno sguardo da non dimenticare” che trasformi un evento orribile, come la morte violenta del ragazzo, in un “messaggio di speranza”. La stessa speranza che si legge nelle parole di Ungaretti, “che scrisse quei versi in un momento drammatico” a pochi mesi dalla fine della guerra.

“Lo ha cominciato alle 15 e ha finito alle 18.30, aiutato da un nostro compagno del corso di pittura, Andrea- fa sapere Menichelli- Mentre stavamo lì le persone che passavano si fermavano, facevano i complimenti, erano curiose, c’è stato un approccio positivo a questo messaggio di impegno civile che lega tutta la comunità di Colleferro, anche alle altre comunità di Artena e Paliano”, dove sono stati realizzati gli altri due murales.

LEGGI ANCHE: Il sindaco di Colleferro: “Una piazza bianca per i giovani dove è stato ucciso Willy”

murale willy zhew“Siamo molto felici che anche la forma d’arte del murales possa esprimersi a Colleferro nella memoria di Willy- dichiara all’agenzia Dire il sindaco della città, Pierluigi Sanna- Il lavoro fatto oggi presso il parcheggio multipiano di corso Garibaldi aggiunge un tassello importante alla memoria necessaria di questa vicenda, affinchè soprattutto la famiglia e i testimoni sappiano che non rimarranno soli, né oggi né mai”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

1 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»